Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

A Vienna vertice sulla Siria

· L’Onu invita governo e opposizione ·

Le Nazioni Unite hanno invitato il governo di Damasco e l’opposizione alla nuova tornata di colloqui di pace sulla Siria, prevista per la prossima settimana a Vienna. Lo ha confermato l’ufficio dell’inviato dell’Onu, Staffan de Mistura. L’incontro è in programma il 25 e il 26 gennaio nella capitale austriaca. Le due delegazioni in particolare sono chiamate a discutere della futura costituzione siriana. I precedenti colloqui per porre fine al sanguinoso conflitto che si protrae da sei anni in Siria si sono tenuti a Ginevra, ma per motivi logistici sono stati previsti questa volta a Vienna. L’ultima tornata risale a dicembre scorso.

Forze ribelli nei pressi  di Al-Khuwayn  nella provincia  di Idlib (Afp)

Parallelamente, si sono tenuti colloqui ad Astana, in Kazakhstan, organizzati da Russia, Turchia e Iran, che si sono fatte garanti di una serie di cessate il fuoco, non sempre rispettati, e hanno istituito nel paese quattro zone di de-escalation. De Mistura «si aspetta che le delegazioni vengano a Vienna preparate per un impegno sostanziale», si legge nella nota diffusa dall’ufficio dell’inviato delle Nazioni Unite al palazzo di Vetro di New York. Riguardo agli sviluppi in Siria, il ministro degli esteri russo, Serghiei Lavrov, ha avuto ieri sera una conversazione telefonica con l’omologo turco, Mevlüt Çavuşoğlu. Al centro dei colloqui, c’è stata l’organizzazione del prossimo Congresso del dialogo nazionale siriano, promosso dal Cremlino e che dovrebbe svolgersi a fine mese a Sochi, in Russia. Ma si è parlato anche delle «possibili modalità per alleviare i problemi umanitari della popolazione civile in Siria e per ottenere il rispetto della cessazione delle ostilità nelle aree di de-escalation, come stabilito dagli accordi raggiunti ad Astana». Sul terreno, intanto, le forze governative siriane stanno avanzando verso l’aeroporto militare di Abu Dhuhur, nella regione nordoccidentale di Idlib, controllata da miliziani di Al Qaeda.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE