Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Vicinanza alla Chiesa e alla gente

· Visita del cardinale Sandri in Etiopia ·

Ai pastori, ai fedeli e a tutta la popolazione dell’Etiopia il saluto e la benedizione di Papa Francesco, come pegno di vicinanza e di speranza per i Paesi dell’Africa orientale, con un particolare pensiero per le migliaia di profughi che hanno trovato una morte inumana attraversando il mar Mediterraneo. Si farà latore di questo messaggio il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali, durante la visita in Etiopia, in programma dal 5 all’11 dicembre. Sarà un’occasione per testimoniare attenzione e vicinanza al cammino della Chiesa alessandrino etiopica di rito ghéez.

Il programma si apre con l’arrivo nella capitale, dove il porporato incontra i vescovi del Paese che hanno celebrato in questi giorni un convegno in occasione dei cinquant’anni dell’istituzione della Conferenza episcopale nazionale. La visita del cardinale prevede anche la celebrazione della divina liturgia nella cattedrale di Addis Abeba, la sosta al Saint Luke hospital di Wolisso, di proprietà della Chiesa cattolica etiope, gestito in collaborazione con i Medici per l’Africa - Cuamm e il ministero della Sanità della regione Oromia, dove ha sede anche una scuola per infermieri.

A Wolkite, capoluogo della Guraghe zone, il porporato incontrerà la comunità parrocchiale di St. Michael, che sta costruendo la sua nuova chiesa. A Emdibir, domenica mattina, celebrerà la divina liturgia a chiusura del decimo anniversario di erezione della circoscrizione ecclesiastica. Sulla via del ritorno per la capitale, il cardinale farà sosta all’ospedale Atat, gestito dalle Medical mission sisters. Lunedì 8 si trasferirà poi a Mekelle, dove incontrerà la comunità parrocchiale di Lideta Le Mariam, nella quale operano le figlie della carità di San Vincenzo de’ Paoli. Poi proseguirà per l’eparchia di Adigrat per un momento di condivisione e di preghiera nel santuario di san Giustino de Jacobis.

Nei giorni 9 e 10 il cardinale visiterà il territorio missionario del Bahir Dahr, una della zone in cui è suddivisa l’arcieparchia metropolitana, con i diversi centri pastorali e la celebrazione solenne della divina liturgia. Ci saranno infine, giovedì 11, gli incontri con Sua Santità Abune Mathias, patriarca della Chiesa etiope ortodossa Tewahedo, e con il presidente della Repubblica.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE