Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Viaggi senza ritorno

· Due vittime e circa quaranta dispersi nel naufragio di un barcone in Malaysia ·

Kuala Lumpur, 18. Nuova tragedia dell’immigrazione in Malaysia. Un barcone con a bordo un centinaio di migranti indonesiani è affondato nella notte al largo delle coste malesi, vicino alla capitale. I soccorsi hanno consentito il salvataggio di 58 persone, ma altre 37 risultano disperse e sulla loro sorte si nutrono ben poche speranze. Due finora le vittime accertate. I migranti — dicono le autorità — erano cittadini indonesiani che cercavano di attraversare lo stretto di Malacca per tornare a casa in occasione del Ramadan. L’evento — sottolinea l’agenzia Misna — ricorda la precaria situazione in Asia di un gran numero di lavoratori, circa due milioni di persone, che hanno trovato occupazione in Malaysia e che, in maggioranza indonesiani, ogni giorno rischiano la vita per tornare nel loro Paese d’origine.

 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

09 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE