Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Vertice mondiale sul clima nel 2019


· L’annuncio del segretario generale delle Nazioni Unite ·

«Mantenere l’incremento del riscaldamento del nostro pianeta sotto i due gradi è essenziale per la prosperità globale, per il benessere delle persone e per la sicurezza. Per questo motivo nel settembre 2019 convocherò un vertice sul clima, per portare l’azione in cima all’agenda internazionale». Lo ha detto il segretario delle Nazioni Unite, António Guterres, annunciando la nomina del diplomatico messicano Luis Alfonso de Alba come suo «inviato speciale per guidare i preparativi».

Il mondo ha due anni per agire contro il cambiamento climatico ed evitare di affrontare gravissimi problemi in tutto il pianeta, ha detto Guterres, invitando la società civile a «chiedere conto» ai leader mondiali del loro atteggiamento sulle politiche che riguardano il clima. «Se non cambiamo direzione entro il 2020, rischiamo conseguenze disastrose per gli esseri umani e per i sistemi naturali che ci sostengono», ha aggiunto.

Il discorso al Palazzo di vetro del segretario generale delle Nazioni Unite arriva poco prima di un summit mondiale organizzato per coordinare l'azione sul clima che riunirà a San Francisco migliaia di funzionari eletti, sindaci, leader di organizzazioni non governative e aziende provenienti da diversi continenti.

Sottolineando in particolare le ulteriori difficoltà che potrebbero crearsi nella catena alimentare e nell’accesso all’acqua, Guterres ha affermato che il mondo sta «affrontando una minaccia esistenziale diretta» che rappresenta «la più grande sfida» odierna. «Il cambiamento climatico sta andando più veloce di noi. Abbiamo gli strumenti per rendere efficaci le nostre azioni, ma ci mancano, anche dopo l’accordo di Parigi, leadership e ambizione per fare ciò che dobbiamo fare», ha rilevato il segretario generale dell’Onu. Pertanto, ha aggiunto, «dobbiamo fermare la deforestazione, ripristinare le foreste degradate e cambiare il modo in cui coltiviamo. Dobbiamo anche rivedere come riscaldare, raffreddare e illuminare i nostri edifici per sprecare meno energia».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE