Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Verso una visione
comune

· Incontro del Wcc con i pentecostali in Brasile ·

Come vivere l’unità della Chiesa nel presente per essere testimoni dell’evangelo? Questo l’interrogativo centrale nell’incontro «Towards a Global Understanding of the Church», promosso dalla Commissione Fede e costituzione (Cfc) del World Council of Churches (Wcc), che è stato ospitato, nei giorni scorsi, nella Faculdade Unida de Vitória, nello stato brasiliano di Espírito Santo. L’incontro è stato l’occasione per un confronto ecumenico sullo stato della riflessione ecclesiologica, condotta dalla Cfc a partire dal documento La Chiesa verso una comune visione, presentato nell’ultima assemblea generale del Wcc. Questo documento è stato definito un primo frutto di una riflessione ecumenica con la quale indicare gli elementi che possono essere condivisi su un tema tanto qualificante per il cammino ecumenico, come la definizione della natura e degli scopi della Chiesa. Fin dalla sua presentazione la Commissione Fede e costituzione ha chiesto commenti e osservazioni alle Chiese e agli organismi ecumenici in modo da poter giungere a una nuova versione del testo che fosse il risultato di un confronto teologico il più ampio possibile.

L’incontro di Vitória si è collocato in questa prospettiva dal momento che è stato pensato per un coinvolgimento di Chiese, nell’ambito dell’universo pentecostale dell’America latina, che non avevano ancora preso parte alla riflessione ecumenica su questo documento; per questa ragione hanno accolto l’invito della Cfc rappresentanti delle Chiese pentecostali e neo-pentecostali e responsabili religiosi delle Chiese in America latina per una discussione in grado di identificare punti di contatto, somiglianze e differenze e, soprattutto, possibili aree di future convergenze tra le Chiese storiche e le nuove Chiese proprio in campo dell’ecclesiologia.

L’incontro è stato introdotto dal pastore Odair Pedroso Mateus della Chiesa indipendente presbiteriana del Brasile, direttore del Cfc, e dalla teologa Ani Ghazaryan Drissi della Chiesa apostolica armena, membro del Cfc, che hanno presentato lo stato del dialogo teologico portato avanti dalla Commissione Fede e costituzione. Sono seguite delle sessioni di lavoro tematiche sulla natura della Chiesa, sul ministero nella Chiesa e sulla missione della Chiesa, caratterizzate da brevi comunicazioni sullo stato del dialogo teologico.

L’incontro, che voleva essere una tappa nel processo di revisione del documento La Chiesa verso una comune visione, è stato anche un momento di condivisione di spiritualità diverse, soprattutto nelle preghiere che hanno accompagnato questo appuntamento, espressione delle singole tradizioni cristiane, e nella condivisione delle esperienze di dialogo delle comunità locali. Accanto a un ulteriore approfondimento della centralità della riflessione ecclesiologica in prospettiva ecumenica da Vitória è stata rilanciata l’idea di quanto sia fondamentale per la testimonianza dell’evangelo l’incontro di cristiani di tradizione diversa che, proprio nel riaffermare la missione della Chiesa, scoprono gioie, speranze e difficoltà nel condividere i doni del Signore.

di Riccardo Burigana

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE