Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In Venezuela
revocata l’immunità
a Guaidó

· ​La decisione dell’Assemblea nazionale costituente a maggioranza governativa ·

L’Assemblea nazionale costituente (Anc, a maggioranza governativa) del Venezuela ha approvato ieri sera un decreto con cui si autorizzano l’incriminazione e la revoca dell’immunità di Juan Guaidó, leader dell’opposizione. La decisione è stata adottata su proposta del Tribunale supremo di giustizia, che ha accusato Guaidó di aver trasgredito il divieto impostogli di lasciare il Paese.

Guaidó fra i suoi sostenitori il 2 aprile scorso (Reuters)

Leggendo il resoconto del dibattito che ha autorizzato la misura, il presidente dell’Anc, Diosdado Cabello, ha sostenuto che «è formalmente autorizzata la prosecuzione del processo nei confronti del cittadino Juan Guaidó, in modo che la giustizia, in accordo con la Costituzione e le leggi, possa incaricarsi di applicare i meccanismi previsti nei diversi codici di procedura penale». «Juan Guaidó è il nulla — ha ancora detto Cabello — e si muove con atteggiamento di sfida, ma oggi sono felici i partiti che non fanno parte del suo gruppo perché gli stiamo revocando l’immunità, e noi ora stiamo agendo in base alla Costituzione».

Teoricamente il leader dell’opposizione può da ora essere arrestato in qualsiasi momento. Guaidó, dopo aver dichiarato che «non esiste legittimità né di revocarmi l’immunità né di arrestarmi», aveva ammesso ieri pomeriggio che i suoi avversari avrebbero potuto cercare di «sequestrarlo in qualsiasi momento». Appresa la notizia della decisione dell’Anc, il leader dell’opposizione ha poi affermato: «Se il regime osa rapirmi e compiere un golpe, risponderemo con la forza. Abbiamo già parlato con i leader del mondo. Gli usurpatori non vorranno mettere alla prova la determinazione della comunità internazionale».

Intanto la Conferenza episcopale venezuelana (Cev) ha chiesto ieri a Nicolás Maduro di trovare soluzioni per far fronte all’emergenza esistente in tema di elettricità e acqua. «Lo Stato — ha detto in una conferenza stampa a Caracas il vicepresidente della Cev, il vescovo Mario del Valle Moronta Rodríguez — è responsabile dell’emergenza elettrica e dell’acqua, ed è lo Stato che deve rispondere ai venezuelani ricercando in modo creativo la soluzione del problema». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE