Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Venerdì
della misericordia

· ​Il Papa in visita ad anziani e malati nella periferia romana ·

«Venerdì della misericordia» in due strutture che accolgono anziani e malati nella periferia orientale di Roma. Nel pomeriggio del 15 gennaio Papa Francesco si è recato a sorpresa nel quartiere periferico di Torre Spaccata per una visita privata dapprima alla Casa di riposo Bruno Buozzi, che offre ricovero a trentatré anziani, poi nella vicina Casa Iride, dove risiedono sei malati in stato vegetativo.

Si tratta del secondo “venerdì della misericordia”, l’iniziativa giubilare voluta dal Pontefice dopo l’apertura, lo scorso 18 dicembre, della Porta santa della carità all’ostello della Caritas. In particolare, in questa circostanza, Francesco ha voluto evidenziare da una parte la grande e preziosa importanza e delle persone anziane, dei nonni, e dall’altra il valore e la dignità della vita in ogni situazione, contro la “cultura dello scarto”.

Accompagnato dall’arcivescovo Rino Fisichella, incaricato dell’organizzazione del giubileo della Misericordia, Francesco si è recato verso le ore 16 in via di Torre Spaccata 157, tra la sorpresa e la gioia degli abitanti del quartiere e soprattutto degli ospiti della casa Bruno Buozzi, in quanto la visita non era stata annunciata. Alla presenza del carmelitano Lucio Zappatore, parroco di Santa Maria Regina Mundi, il Papa ha incontrato singolarmente ciascuno dei trentatré anziani ricoverati, soffermandosi a parlare con tutti. Un momento di preghiera e la condivisione di un tè hanno concluso il breve incontro.

Francesco si è poi trasferito a Casa Iride, una struttura che non è organizzata come un ospedale ma come una casa famiglia dove i degenti possono essere assistiti continuamente dai loro familiari. E dopo aver benedetto ciascuno dei sei ospiti — quasi tutti giovani vittime di incidenti stradali — ha salutato e confortato i parenti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE