Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Vanno risolti i conflitti ancora aperti nei Paesi arabi

· L’appello del Papa durante l’udienza al presidente libanese ·

Benedetto XVI ha ricevuto in udienza, nella mattina di giovedì 24 febbraio, il presidente della Repubblica del Libano, Michel Suleiman. Successivamente, il presidente libanese ha incontrato il cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato, il quale era accompagnato dall’arcivescovo Dominique Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati.

Nel corso dei cordiali colloqui è stato sottolineato che il Libano, a motivo della presenza di diverse comunità cristiane e musulmane, rappresenta un messaggio di libertà e di rispettosa convivenza non solo per la regione ma anche per il mondo intero. In tale contesto la promozione della collaborazione e del dialogo fra le confessioni religiose si rivela sempre più necessaria. Si è quindi rilevata l’importanza dell’impegno delle autorità civili e religiose per educare le coscienze alla pace e alla riconciliazione e si è auspicato che la formazione del nuovo Governo favorisca la desiderata stabilità della nazione, chiamata ad affrontare importanti sfide interne e internazionali.

Nel prosieguo dei colloqui ci si è soffermati sulla situazione del Medio Oriente, con particolare riferimento ai recenti avvenimenti in alcuni Paesi arabi, ed è stata espressa la comune convinzione che è urgente risolvere i conflitti ancora aperti nella regione. Infine, particolare attenzione è stata dedicata alla situazione dei cristiani in tutta la regione e al contributo che essi possono offrire per il bene dell’intera società.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE