Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Valencia accoglie l’Aquarius

· Il ministro degli interni italiano ribadisce il blocco alle navi delle ong ·

La Aquarius è finalmente giunta nel porto di Valencia dopo quasi dieci giorni di navigazione. Si è conclusa così una vicenda che ha fatto segnare una profonda spaccatura in Europa dopo il rifiuto del ministro degli interni, Matteo Salvini, di accogliere la nave in un porto italiano.

Un migrante in attesa di sbarcare dalla Aquarius (Reuters)

Una messa in cattedrale, per esprimere con la preghiera un saluto ai migranti che stavano arrivando, è stata celebrata dall’arcivescovo di Valencia, cardinale Antonio Cañizares. Per i passeggeri dell’Aquarius il porporato ha pronunciato parole di accoglienza: «Diamo tutto il nostro benvenuto, tutto l’aiuto senza limiti». Quello che è successo con l’Aquarius, ha sottolineato l’arcivescovo, deve essere uno stimolo a «combattere la schiavitù provocata dalla mancanza di soluzioni alla povertà, che costringe migliaia di esseri umani a fuggire dai propri paesi di origine e finire nelle mani della criminalità». Il cardinale Cañizares ha poi ribadito la necessità «di politiche a livello mondiale, per evitare queste gravissime situazioni di ingiustizia, in cui le vittime sono costrette a lasciare i loro paesi a causa della mancanza di opportunità e finiscono in una situazione di schiavitù, nelle mani di corrotti e mafie». E mentre l’alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha ringraziato la Spagna per l‘accoglienza ai profughi sull’Aquarius, l’Europa continua a essere attraversata da tensioni che non sembrano far presagire la veloce elaborazione di una politica comune in tema di migrazioni. Salvini, dopo avere auspicato che la Spagna, dopo quelli giunti ieri a Valencia, accolga «altri 66.000 migranti», ha dichiarato che il governo italiano promuoverà interventi di sviluppo in Africa, per arginare l’immigrazione verso l’Europa. Salvini ha aggiunto di essere «stufo del traffico di esseri umani: quelli che si dicono buoni hanno trasformato il Mediterraneo in un cimitero. Bloccherò le navi delle ong, tutte straniere, che avevano preso l’Italia per un enorme campo profughi dove decidono tutto mafiosi e scafisti».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE