Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Va abbandonata per sempre la via dell'odio

· L'appello di Benedetto XVI dopo i gravi atti terroristici in Norvegia ·

Il dolore del Papa in un messaggio a firma del cardinale segretario di Stato inviato al re Harald V

Un appello «a fuggire dalle logiche del male» è stato rivolto dal Papa dopo i gravi atti terroristici accaduti venerdì scorso in Norvegia. Lo ha fatto al termine dell’Angelus di domenica 24 luglio, recitato con i fedeli riuniti nel cortile del Palazzo Pontificio di Castel Gandolfo. Il giorno precedente, sabato 23, il Pontefice aveva inviato un messaggio al re Harald v , a firma del cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato, in cui si diceva «profondamente rattristato dalla notizia della grande perdita di vite umane causata dagli atti di violenza insensata perpetrata a Oslo e a Utøya». Di seguito le parole di Benedetto XVI al termine della preghiera mariana.

Cari fratelli e sorelle,

Ancora una volta purtroppo giungono notizie di morte e di violenza. Proviamo tutti un profondo dolore per i gravi atti terroristici accaduti venerdì scorso in Norvegia. Preghiamo per le vittime, per i feriti e per i loro cari. A tutti voglio ancora ripetere l’accorato appello ad abbandonare per sempre la via dell’odio e a fuggire dalle logiche del male.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE