Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Uno squarcio nel buio

· ​Il Vangelo secondo Caravaggio ·

«Vuoi la pace che io non ho trovato quasi mai? Cercala qui!» diceva Caravaggio mostrando allo spettatore di turno il suo quadro Adorazione dei pastori, il cui motivo dominante è il silenzio. Anche attraverso questa via l’artista — dalla vita spericolata — riesce a proporsi come illuminante guida per meditazioni su temi evangelici. 

Caravaggio, «Vocazione di san Matteo» (1599-1600)

In Michelangelo Merisi s’intrecciano, in perenne simbiosi, arte e spiritualità: un assunto che fa da base al libro Il Vangelo secondo Caravaggio (Saronno, Monti, 2015, pagine 127, euro 12) di don Sergio Stevan e don Paolo Alliata. Tramite la contemplazione delle sue opere gli autori offrono riflessioni in chiave evangelica dei quadri raffigurati a colori nel libro. 

«Scorrendo queste pagine sono stato conquistato dalle pitture e dalle parole, e così sono stato aiutato a guardare con gli occhi della fede il mistero di Cristo e della Chiesa che sono qui illustrati» scrive nella prefazione monsignor Patrizio Garascia, vicario episcopale dell’arcidiocesi di Milano. Ecco allora dipanarsi, lungo un suggestivo itinerario artistico, opere — per citarne solo alcune — quali Vocazione di san Matteo, Resurrezione di Lazzaro, Cattura di Cristo, La deposizione, La cena in Emmaus. Riguardo alla Vocazione di san Matteo, per esempio, si evidenzia come il gesto di Gesù che indica con autorevolezza Matteo senza aver bisogno di cercarlo, squarci il buio della scena: gesto accompagnato dal violento fiotto di luce che va a scandagliare ciò che è immerso nelle tenebre. La luce può entrare nella stanza perché Gesù compie quel gesto. Come a dire: la grazia può entrare nella torbida vita del ladro Matteo solo perché Gesù prende l’iniziativa di chiamarlo. Obiettivo di Stevan e di Alliata è di “respirare” dentro ogni dipinto, nel segno di un’approfondita lettura dei suoi simboli, per meglio ascoltare quello che Caravaggio aveva da dire. E l’augurio degli autori è che il primo passo, di contemplazione di ogni quadro, sia subito seguito dal «passo dell’incontro personale con Gesù».

di Gabriele Nicolò

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE