Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Uno sguardo diverso sull’Africa

· Discorso di Obama nella sede dell’Ua ad Addis Abeba ·

Un invito al mondo a cambiare la sua visione dell’Africa; un rilancio dell’impegno statunitense per lo sviluppo del continente; un pressante appello a rispondere alla minaccia del terrorismo (anche e soprattutto con una efficace lotta alla corruzione e alle ingiustizie sociali che lo alimentano); un’insistita attenzione ai temi della pace e della promozione dei diritti umani. 

Il presidente statunitense nella sede dell’Unione africana (Ap)

Sono stati questi i fili conduttori del discorso tenuto oggi dal presidente statunitense, Barack Obama, nella sede dell’Unione africana ad Addis Abeba.

Obama ha aperto il suo intervento invitando ad abbandonare gli stereotipi di un continente impantanato nella povertà e la guerra. «Mentre l’Africa sta cambiando, mi appello al mondo perché cambi la sua immagine dell’Africa», ha detto.

La prima visita mai compiuta da un presidente degli Stati Uniti alla massima organizzazione continentale africana giunge a un anno dal summit a Washington tra Stati Uniti e Paesi africani voluto dallo stesso Obama, e nelle sue intenzioni vuole essere una conferma di quanto emerso in quell’occasione. Non a caso, la presidente della Commissione dell’Unione africana, Nkosazana Dlamini Zuma, ha parlato di «passo supplementare verso l’approfondimento delle relazioni tra Unione africana e Stati Uniti».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE