Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Uno hobbit ancora troppo piccolo

· Sotto tono il primo film della nuova trilogia di Peter Jackson ·

A dieci anni dal trionfo de Il ritorno del re, ultimo capitolo della trilogia de Il signore degli anelli  Peter Jackson torna nella "Terra di Mezzo"  fantasticata da Tolkien per raccontarci cosa accadde prima. Ma Lo Hobbit. Un viaggio inaspettato, attesissimo primo episodio di un'altra trilogia, non regge il confronto. Nonostante un 3d di grande impatto visivo e la tecnologia a 48 fotogrammi  al secondo, contro i 24 utilizzati normalmente, che regala  una nitidezza senza precedenti sul grande schermo, il film non convince. La prima parte lenta e troppo lunga viene  riscattata parzialmente da un bel prologo e da un seguito che richiamano solo a tratti la magniloquenza mitologica che aveva fatto la fortuna dell'opera precedente.
Forse  proprio la ricerca della perfezione visiva, con immagini pulite e senza sbavature, fa sì che il realismo da pregio si trasformi in limite, perché toglie quell'alone di epicità alle scene. Epicità peraltro già ridimensionata dal ricorso a un registro narrativo fiabesco e fin troppo incline alla commedia. E gli stessi nani finiscono per divenire delle caricature poco credibili nei panni di intrepidi guerrieri pronti a riconquistare il loro regno. Perché a questo sono chiamati. Ed è a questo che, all'inizio del film, lo stregone Gandalf il Grigio chiama lo hobbit, Bilbo Baggins, la cui presenza servirà da raccordo per comprendere i fatti che sarebbero avvenuti nella Terra di Mezzo sessant'anni dopo.
Siccome il libro di Tolkien Lo hobbit, frutto rielaborato della favola serale che lo scrittore raccontava ai figli, non si configura come un antefatto di quella storia, Jackson compie un'operazione più complessa. Prende tutto quanto scritto da Tolkien e lo integra, con molta libertà rispetto al romanzo originario e con rimandi alla precedente trilogia.  Ma stavolta la riproposizione di collaudate  scenografie, musiche e fotografia che avevano decretato il precedente successo non dà come risultato la stessa magica alchimia. Manca il pathos.  Soprattutto resta un senso di incompiutezza del racconto.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 maggio 2018

NOTIZIE CORRELATE