Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Uniti
dalla stessa fede

· Il patriarca di Mosca in visita in Inghilterra ·

«Senza una comprensione della cultura non può esserci vero dialogo tra le nazioni. E il fatto che oggi sia così spesso ignorato il fattore religioso nelle relazioni fra gli stati e fra le diverse culture è, a mio parere, un grave errore perché la fede è la fonte della formazione allo stesso tempo dell’identità nazionale e della spiritualità del popolo».

È un passaggio dell’intervento che il patriarca di Mosca, Cirillo, ha tenuto sabato scorso a Londra durante un ricevimento nel quale i rappresentanti religiosi del Regno Unito gli hanno dato il benvenuto per la visita (15-18 ottobre) che il primate della Chiesa ortodossa russa sta effettuando nel Paese. Un viaggio — non lo ha nascosto il presidente del Dipartimento per le relazioni esterne del patriarcato di Mosca, Ilarione, senza tuttavia fare accenno alla questione siriana — che avviene in un momento in cui i rapporti fra Russia e Regno Unito «non sono dei migliori».

Cirillo — che domani (martedì) dovrebbe incontrare la regina Elisabetta — è stato accolto dall’arcivescovo di Canterbury e primate della Comunione anglicana, Justin Welby, dal vescovo anglicano di Londra, Richard Chartres, da rappresentanti della Chiesa cattolica, della Chiesa ortodossa e di altre comunità cristiane. Il motivo della visita è la celebrazione del trecentesimo anniversario della presenza ortodossa russa nel Paese, ma non solo: «Sono qui», ha spiegato il patriarca, «anche per rafforzare l’amicizia con il popolo britannico, con la Church of England, e sottolineare ancora una volta l’importanza del fattore religioso nelle relazioni internazionali. Sono fiducioso che l’interazione fra la Chiesa ortodossa russa e le comunità cristiane di Inghilterra fornirà un contributo sostanziale allo sviluppo dei rapporti fra i due paesi. I nostri sforzi non devono dipendere da considerazioni politiche ma solo da ciò che unisce i cristiani di Oriente e Occidente».
Sempre sabato, Cirillo ha consacrato la cattedrale della Dormizione, sottoposta di recente a un’opera di restauro riguardante soprattutto il campanile, l’iconostasi e gli affreschi. Durante la liturgia ha pregato per «tutti i santi che hanno glorificato il territorio britannico». Presenti autorità religiose e civili, compreso il principe di Kent, Michael, cugino della regina.    

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE