Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Uniti
ai martiri cristiani

· ​Da Tirana un messaggio da molti per tutti ·

Comunità cristiane, Chiese, Governi, altre istituzioni, media, persone di buona volontà: è un messaggio a vocazione universale quello dedicato al tema «Discriminazione, persecuzione, martirio: seguire Cristo insieme», diffuso al termine dell’incontro tenuto dal 2 al 4 novembre a Tirana dal Global Christian Forum insieme al Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, pentecostali, evangelici e World Council of Churches. I centoquarantacinque leader religiosi partecipanti lanciano un appello per rafforzare l’unità dei cristiani a sostegno di coloro che soffrono a causa della propria fede. E alla comunità internazionale chiedono, in particolare, di fare di più contro i conflitti in corso e il traffico di armi. Pubblichiamo una nostra traduzione del documento.

«Quindi se un membro soffre, tutte le membra soffrono insieme; e se un membro è onorato, tutte le membra gioiscono con lui» (1 Corinzi, 12, 26).

Per la prima volta nella storia moderna del cristianesimo, leader e rappresentanti di alto livello delle diverse tradizioni della Chiesa si sono riuniti per ascoltare le Chiese e i cristiani discriminati e perseguitati nel mondo attuale, imparare da loro ed essere al loro fianco.

Questo incontro globale di centoquarantacinque persone si è svolto dal 2 al 4 novembre 2015 a Tirana, in Albania, un Paese definito ateo dalla sua costituzione nel 1967 e che ora ha Chiese fiorenti in un contesto di libertà religiosa, sebbene possa esservi ancora qualche discriminazione. La consultazione, che ha avuto come tema «Discriminazione, persecuzione, martirio: seguire Cristo insieme», è stata indetta dal Global Christian Forum insieme al Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani (della Chiesa cattolica romana), alla Pentecostal World Fellowship, all’Alleanza evangelica mondiale e al Consiglio ecumenico delle Chiese. È stata organizzata in stretta collaborazione con la Chiesa ortodossa autocefala di Albania, la Conferenza episcopale albanese e l’Alleanza evangelica di Albania.

Ci siamo riuniti perché la discriminazione, la persecuzione e il martirio fra i cristiani e le persone di altre fedi nel mondo contemporaneo stanno aumentando a causa di una complessa serie di fattori in realtà e contesti differenti. Seguendo Cristo, i cristiani possono essere esposti a ogni forma di persecuzione, sofferenza e martirio, poiché il mondo peccatore è contrario al Vangelo della salvezza. Ma fin dai primordi i cristiani hanno sperimentato la speranza e la realtà della Risurrezione attraverso il cammino della croce. Insieme, seguiamo Cristo perché abbiamo «fame e sete della giustizia» (Matteo, 5, 6) per tutti. Per secoli, la vita della Chiesa è stata una testimonianza costante in due modi: la proclamazione del Vangelo di Cristo e la testimonianza attraverso il sangue versato dai martiri. Il XXI secolo è pieno di storie commoventi di fedeli che hanno pagato la loro devozione a Cristo con la sofferenza, la tortura e la morte. I martiri cristiani ci uniscono in modi quasi inimmaginabili. Riconosciamo che la solidarietà tra le Chiese cristiane è necessaria per rafforzare la testimonianza cristiana dinanzi alla discriminazione, alla persecuzione e al martirio. Nel XXI secolo urge rafforzare la solidarietà fra tutti i cristiani, portando avanti ciò che è stato realizzato con perspicacia e discernimento da questa consultazione. Ci pentiamo di esserci a volte perseguitati gli uni gli altri e di aver perseguitato altre comunità religiose nel corso della storia, e ci chiediamo perdono a vicenda e preghiamo per nuovi modi di seguire Cristo insieme.

In comunione con Cristo ci impegniamo: ad ascoltare di più le esperienze dei cristiani, delle Chiese e di tutti coloro che vengono discriminati e perseguitati, e ad approfondire il nostro impegno con le comunità che soffrono; a pregare di più per le Chiese, i cristiani e tutti coloro che subiscono discriminazione e persecuzione, nonché per il cambiamento di quanti discriminano e perseguitano; a farci sentire di più, con rispetto e dignità, con voce chiara e forte insieme, nel nome di coloro che stanno soffrendo; a fare di più nell’intesa reciproca di trovare modi efficaci di solidarietà e di sostegno alla guarigione, alla riconciliazione, e per la libertà di religione di tutte le persone oppresse e perseguitate.

Ascoltando l’esperienza di quanti vivono tempi difficili, pregando e discernendo insieme modi per seguire Cristo in quelle dure realtà, la consultazione esorta: tutti i cristiani a includere in modo più evidente nelle loro preghiere quotidiane coloro che vengono discriminati, perseguitati e che soffrono per il compimento del Regno di Dio; tutte le organizzazioni cristiane a livello regionale, nazionale e locale delle diverse tradizioni a imparare, pregare e lavorare insieme nelle loro zone per i perseguitati, al fine di assicurare che ricevano un sostegno migliore; tutte le Chiese a impegnarsi di più nel dialogo e nella cooperazione con altre comunità di fede e a essere «prudenti come i serpenti e semplici come le colombe» (Matteo, 10, 16), rimanendo vigili, attente e impavide dinanzi alla discriminazione e alla persecuzione; tutti i persecutori che discriminano e opprimono i cristiani e violano i diritti umani a cessare questi abusi e ad affermare il diritto di tutti gli esseri umani alla vita e alla dignità; tutti i governi a rispettare e proteggere la libertà di religione e di credo di tutte le persone come diritto umano fondamentale. Ci appelliamo anche ai governi e alle organizzazioni internazionali affinché rispettino e proteggano i cristiani e tutte le altre persone di buona volontà contro le minacce e la violenza perpetrata nel nome della religione. Inoltre, chiediamo loro di operare per la pace e la riconciliazione, di cercare la risoluzione dei conflitti in corso e di porre fine al flusso di armi, specialmente verso quanti violano i diritti umani. Facciamo appello a tutti i media affinché riferiscano in modo adeguato e imparziale le violazioni della libertà di religione, compresa la discriminazione e la persecuzione dei cristiani e di altre comunità di fede; a tutte le istituzioni educative affinché sviluppino opportunità e strumenti per formare, i giovani in particolare, ai diritti umani, alla tolleranza religiosa, alla guarigione dei ricordi e delle ostilità del passato e ai mezzi pacifici per la risoluzione dei conflitti e la riconciliazione; a tutte le persone di buona volontà affinché operino per la giustizia, la pace e lo sviluppo, sapendo che la povertà e la mancanza di rispetto per la dignità umana sono fattori importanti che contribuiscono alla violenza.

Raccomandiamo che il Global Christian Forum valuti entro i prossimi due anni il lavoro di questo evento e riferisca a tutti e quattro gli organismi perché possano andare avanti. Che Dio Padre, che per sua grazia ci ha creati uguali, rafforzi i nostri sforzi per superare ogni forma di discriminazione e persecuzione. Che il suo Spirito Santo ci guidi nella solidarietà con tutti coloro che cercano pace e riconciliazione. Che egli guarisca le ferite dei perseguitati e ci conceda speranza mentre attendiamo la gloriosa venuta di nostro Signore Gesù Cristo, che farà nuove tutte le cose.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE