Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Unità della fede
nella diversità di espressione

· Libro liturgico per gli ordinariati personali eretti secondo la costituzione apostolica «Anglicanorum coetibus» ·

La Costituzione apostolica Anglicanorum coetibus, che fornisce le istruzioni per gli anglicani che entrano nella piena comunione con la Chiesa cattolica, recita all’articolo III: «Senza escludere le celebrazioni liturgiche secondo il rito romano, l’ordinariato ha la facoltà di celebrare l’eucaristia e gli altri sacramenti, la liturgia delle ore e le altre azioni liturgiche secondo i libri liturgici propri della tradizione anglicana approvati dalla Santa Sede, in modo da mantenere vive all’interno della Chiesa cattolica le tradizioni spirituali, liturgiche e pastorali della Comunione anglicana, quale dono prezioso per alimentare la fede dei suoi membri e ricchezza da condividere».

Nell’aprile del 2014, la visione liturgica della Costituzione apostolica Anglicanorum coetibus trova la sua prima realizzazione nella pubblicazione del Divine Worship: Occasional Services, un volume unico pubblicato dalla «Catholic Truth Society» (Londra), che contiene i riti approvati per il battesimo, il matrimonio e i funerali per gli ordinariati personali. Questi testi sono stati preparati dalla Commissione interdicasteriale Anglicanae traditiones e approvati dalla Congregazione per la dottrina della fede e dalla Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti.

La Santa Sede ha reso questi riti disponibili per il nutrimento spirituale e la santificazione di fedeli che, provenendo da ambienti anglicani, entrano nella piena comunione cattolica. In tal modo, la Chiesa ha dato espressione eloquente a un principio fondamentale per il movimento ecumenico: l’unità della fede, che è il cuore della comunione della Chiesa, non richiede una rigida uniformità liturgica. Questa intuizione di “unità della fede nella diversità di espressione” è la chiave ermeneutica per la Costituzione apostolica Anglicanorum coetibus di Benedetto XVI e, in qualche modo, riflette la comunione che la liturgia stessa forgia tra i membri del Corpo di Cristo. L’annessione da parte della Chiesa cattolica del patrimonio liturgico anglicano, atto storico in sé, offre una reciprocità di arricchimento che garantisce l’autenticità della fede, investe la nostra espressione liturgica dell’indiscutibile autorità di quella fede, a gloria di Dio, fonte di comunione e fulcro del nostro culto sacramentale.

Steven Lopes
Congregazione per la dottrina della fede

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

08 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE