Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per unire l’Europa

· ​Concluso a Riga l’incontro animato dalla comunità di Taizé ·

Riga, 2. Si svolgerà a Basilea, in Svizzera, alla fine del 2017, il quarantesimo incontro europeo animato dalla comunità di Taizé. Ad annunciarlo è stato il priore, fratel Alois, a conclusione della trentanovesima edizione che a Riga, in Lettonia, ha radunato dal 28 dicembre al 1° gennaio migliaia di giovani cattolici, ortodossi e protestanti provenienti da tutto il continente (ma anche da molto più lontano, come dalla Corea del Sud e da Hong Kong). L’incontro vedrà oggi, 2 gennaio, un suo prolungamento straordinario a Tallinn, in Estonia, e a Vilnius, in Lituania.

«Un futuro di pace — scrive fratel Alois nella lettera per l’anno 2017, diffusa il 30 dicembre e intitolata “Verso l’unità del continente europeo. Di fronte all’arrivo dei migranti superiamo la paura” — implica che gli europei allarghino la loro coscienza in modo da far crescere una solidarietà fra tutti i Paesi che compongono il continente. È fondamentale moltiplicare i contatti, gli scambi, le collaborazioni. La costruzione dell’Europa può realizzarsi soltanto con maggiore dialogo, con maggiore ascolto fra le nazioni». Le radici comuni sono più profonde delle divergenze: «L’Europa ha avuto uno slancio di riconciliazione a seguito della seconda guerra mondiale» e «ha conosciuto un nuovo periodo di ricerca di unità dopo la caduta del muro di Berlino». Molti giovani, afferma il priore di Taizé, «credono che l’Europa continuerà a edificarsi solo approfondendo questo ideale di fraternità». Un’Europa unita al suo interno ma anche aperta agli altri continenti e solidale con i popoli che affrontano le prove più grandi. Come i migranti: «In tutto il mondo, donne, uomini e bambini sono obbligati a lasciare la loro terra. È la sofferenza che li spinge a partire, più forte delle barriere elevate a ostacolare la loro marcia. Le preoccupazioni manifestate nelle regioni ricche non scoraggeranno a lasciare il proprio paese coloro che patiscono sofferenze intollerabili».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE