Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per un’India
rispettosa delle sue diversità

· L’episcopato sollecita una ferma condanna delle violenze sulle minoranze etniche e religiose ·

Estrema preoccupazione per il crescente clima di violenza religiosa è stata espressa, a nome della Catholic Bishops’ Conference of India, da padre Charles Irudayam, segretario esecutivo della Commissione Giustizia, pace e sviluppo, il quale, in una dichiarazione all’agenzia Fides, ha sollecitato il nuovo Governo del leader nazionalista Narendra Modi a un’azione più rapida e incisiva per scongiurare il ripetersi di episodi di intolleranza e, soprattutto, evitare così che il “silenzio” venga male interpretato dalla popolazione. Infatti, solo negli ultimi sei mesi i mass media hanno registrato oltre seicento casi di violenza contro le minoranze etniche e religiose.

Proprio di recente nello Stato di Chhattisgarh, nell’India centrale — riferisce il sacerdote — «questi gruppi estremisti hanno promosso nuove violenze. Hanno impedito ai missionari e ai religiosi cristiani di entrare in alcune aree e in alcuni villaggi». Per questo la Commissione episcopale ha inviato una lettera di protesta ufficiale al Governo. Padre Charles ricorda poi come pochi giorni fa una larga fetta della società civile indiana abbia manifestato pubblicamente il proprio disagio chiedendo l’intervento delle autorità civili. Finora, però, aggiunge il religioso, «il Governo centrale non ha mai condannato le violenze». Atteggiamento che, viene rilevato, finisce per incoraggiare quanti vogliono «un’India riservata agli indù». Tuttavia, «questa idea va contro la nostra Costituzione, che traccia una nazione democratica e pluralista. È compito del Governo rispettare e far rispettare la Costituzione».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE