Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un'idea forte

«Una Vida Nueva permette di guardare alla realtà con occhi diversi»: questa frase di Papa Francesco fa da copertina al numero tremila di «Vida Nueva», e le meditazioni sul concetto di vita nuova si snodano come un filo rosso lungo quasi tutte le pagine della rivista. Sono opera di esponenti della vita cattolica spagnola, teologi e biblisti — fra loro il numero delle donne è quasi pari a quello degli uomini — a declinare in tanti modi diversi quello che è il concetto base su cui si è sviluppato il lavoro della rivista in questi anni: «il perdono è una forza che risuscita a una vida nueva» dice Soledad Suárez, già presidente di Manos Unidas; «ogni giorno è vida nueva, dono meraviglioso che dobbiamo accogliere, mettere a frutto e condividere» secondo Rafael Aguirre, biblista; «la proposta cristiana non è nuova, ma bisogna farla diventare vita» sottolinea Isabel Gómez-Acerbo, teologa. Solo per fare qualche esempio.

L’illustrazione di Dolores Gómez per il numero 3000

Sono in tanti a riflettere e a mettere in pratica, anche con riflessioni più articolate, l’idea di fondo della testata spagnola, quella che ne fa una rivista viva e importante. Perché solo se vi è all’origine un’idea forte una rivista può crescere, interessare, far pensare i suoi lettori.

E la proposta fondatrice è quella di articolare nel tempo e nello spazio quello che è il cuore e il fondamento della conversione cristiana, cioè la scelta che porta a rinnovare la propria vita, a vedere con occhi nuovi il mondo. Un progetto mantenuto e perfezionato in questi tremila numeri, un progetto che sa tenere insieme il giusto rispetto per la tradizione con la puntuale informazione su tutte le nuove proposte che stanno emergendo nella vita della comunità cristiana.

I suggerimenti inediti di esperienza spirituale, le nuove realtà delle iniziative assistenziali nel mondo che cambia, rivelando sempre nuove esigenze, l’emergere di un nuovo protagonismo femminile sia sul piano culturale che su quello pastorale: sono questi i filoni innovativi e creativi di cui la rivista ha dato puntualmente notizia, sempre ricollegandoli alla parola e all’insegnamento del Papa. Offrendo così un esempio vivo e stimolante di cosa può essere il pensiero cattolico se si libera da un linguaggio dolciastro, dall’autoesaltazione, dall’appiattimento sulle strade già troppe volte percorse.

di Lucetta Scaraffia

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE