Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In Ungheria
il giubileo raddoppia

· ​Nel 2016 il XVII centenario della nascita di san Martino ·


L’Ungheria vive nel 2016 un doppio giubileo. A quello straordinario della misericordia, indetto da Papa Francesco, si aggiunge quello per il xvii centenario della nascita di san Martino.

Fu, infatti, sul territorio dell’odierna Ungheria che nel 316 nacque Martino, uno dei santi forse più conosciuti al mondo, grazie anche al famoso episodio della condivisione del proprio mantello con un povero mendicante.
Martino è ritenuto il santo per eccellenza della carità e delle opere di misericordia, alcune delle quali lo legano in modo eminente alla sua terra natale, la Pannonia. E ciò lo rende un santo attualissimo per questo giubileo voluto da Papa Francesco.
Uno dei simboli più eloquenti di questa felice coincidenza dei due giubilei è rappresentato dal nuovo portone di bronzo della cattedrale di Szombathely, realizzato per l’anniversario e subito inaugurato come porta santa diocesana del giubileo. Le sei formelle che lo ornano, opera dell’artista Gábor Veres, ci presentano gli episodi più significativi della vita di Martino. 


di András Veres 
Vescovo di Szombathely e presidente
della Conferenza episcopale ungherese

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE