Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un’altra tragedia annunciata

· ​Recuperati 17 cadaveri di migranti su un barcone alla deriva ·

Migranti soccorsi nel porto di Augusta (Afp)

Stesso registro, stessa tragedia annunciata. Nelle ultime ventiquattro ore 17 cadaveri di migranti sono stati recuperati nel Mediterraneo. Oltre quattromila le persone soccorse. Questo in sintesi il bilancio delle ventidue operazioni di salvataggio svoltesi ieri nel Canale di Sicilia dal dispositivo navale dell’Ue schierato per far fronte all’ondata di migrazioni dall’Africa verso l’Italia. I migranti soccorsi erano a bordo di nove barconi e tredici gommoni. A bordo di uno dei gommoni, avvicinato da una nave della Marina militare italiana, sono stati recuperati i 17 cadaveri. Accertamenti sono ancora in corso sulle cause del decesso: potrebbero essere morti di stenti o calpestati nel tentativo di conquistare un posto sulla barca, come già accaduto su un altro gommone soccorso nel Canale di Sicilia all’inizio di maggio. Sul gommone c’erano altri 217 migranti, tratti in salvo. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE