Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una vita per i bambini poveri

· Ad Aquisgrana la beatificazione di Clara Fey ·

Aquisgrana nella prima decade del XIX secolo era una città in rapida trasformazione grazie all’avvento dell’industrializzazione. La crisi economica causava non poche difficoltà e sofferenze negli strati socialmente più bassi della popolazione, che stava crescendo rapidamente. Le persone soffrivano per la scarsità di lavoro, per la carenza di alloggi e la mancanza di opportunità educative. Una vita economicamente dignitosa era difficilmente raggiungibile per gran parte della popolazione.

In questo contesto si inserisce la vicenda di Clara Fey, che il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, in rappresentanza di Papa Francesco, beatifica sabato 5 giugno ad Aquisgrana, in Germania.

Clara nacque l’11 aprile 1815, in una famiglia benestante. La casa della coppia Fey era frequentata da sacerdoti, religiosi e laici sensibili ai segni dei tempi, che cercavano di dare una risposta cristiana alle sfide dell’industrializzazione e della povertà in aumento.

Clara respirò fin da piccola questo ambiente così motivato nell’aiutare il prossimo e individuò la sua missione: donare la vita per i più deboli della società e in particolare per quelli più indifesi e bisognosi, i bambini.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE