Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una visita alle Grotte Vaticane seduti davanti al computer

· Iniziativa dei Cavalieri di Colombo e della Fabbrica di San Pietro ·

Un tour all'interno delle Grotte Vaticane, alla scoperta dei segreti delle tombe dei Papi, standosene comodamente seduti davanti al pc? Grazie ai Cavalieri di Colombo sarà possibile — cliccando sul sito internet della Santa Sede www.vatican.va — dal prossimo 29 giugno, data che significativamente coincide con la festa dei santi Pietro e Paolo.

Il direttore dell'ufficio di Roma dell'ordine, l'architetto Pietro Enrico Demajo, ha presentato nei giorni scorsi presso l'Ufficio Internet della Santa Sede il percorso virtuale che si snoda nei sotterranei della basilica di San Pietro. L'incontro si è svolto alla presenza di padre Fernando Vérgez Alzaga, direttore delle Telecomunicazioni del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, e del rappresentante dell'Anysoft, che ha materialmente realizzato l'itinerario.

Si tratta della seconda sponsorizzazione del genere, in quanto già nel 2003 i Cavalieri di Colombo avevano offerto un primo progetto simile sul sito internet www.vatican.va: il percorso on-line della cappella Redemptoris Mater nel Palazzo Apostolico. Una passeggiata a portata di mouse tra gli splendidi mosaici realizzati dal gesuita Marko Ivan Rupnik.

La collaborazione tra la più diffusa società cattolica di mutuo soccorso — un milione e 750 mila membri in tutto il mondo — e la Fabbrica di San Pietro risale a quasi trent'anni fa: al 1981, quando la prima offrì il proprio contributo per la realizzazione nelle Grotte Vaticane della cappella dedicata ai santi patroni d'Europa Benedetto, Cirillo e Metodio. Un piccolo spazio di preghiera particolarmente caro a Giovanni Paolo II, che oggi riposa a pochi metri di distanza. Iniziava così un intenso rapporto, che prosegue anche oggi, per la tutela, la conservazione e la valorizzazione della basilica di San Pietro.

Tra i lavori più significativi intrapresi con il sostegno dei Knights of Columbus — fondati dal venerabile Michele McGivney (Waterbury 12 agosto 1852 - Hartford 14 agosto 1890) sull'ideale di Cristoforo Colombo, lo scopritore delle Americhe che portò la cristianità nel nuovo mondo — ci sono i restauri dell'atrio e della Porta santa in occasione del grande Giubileo del 2000; dei mosaici della cupola del Santissimo Sacramento nel 1992 e i lavori compiuti nel 1986 sulla facciata del Maderno.

Fin dagli inizi, l'impegno dell'ordine si è concentrato nella promozione di nuovi interventi nelle Grotte Vaticane, nel luogo più vicino alla tomba del principe degli apostoli e di numerosi Pontefici suoi successori. Si ricordano in tal senso l'ampliamento, nel 1982, della cappella della nazione polacca, dedicata a Nostra Signora di Czestochowa e i successivi restauri nelle cappelle dedicate alla Madonna delle partorienti, nel 2003, e alla Madonna della bocciata, nel 2004, e nel peribolo attorno alla Confessione di San Pietro, nel 2005.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE