Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Una storia piccolina

· ​All’udienza generale il Papa invita all’accoglienza dei migranti ·

Solidarietà per le donne e i minori vittime della tratta e gettati nudi sulle strade

«Una storia piccolina, di città», con protagonisti una donna, un tassista e un rifugiato scalzo, è stata raccontata da Papa Francesco all’udienza generale di mercoledì 26 ottobre in piazza San Pietro.

Proseguendo le catechesi sulle opere di misericordia, il Pontefice si è soffermato in particolare su «accogliere lo straniero e vestire chi è nudo» e in proposito ha confidato la vicenda di un rifugiato senza scarpe che desiderava andare a San Pietro per attraversare la Porta Santa, della donna impietosita dalle sue condizioni che decide di offrirgli un taxi e dell’autista del mezzo che quasi non voleva farlo salire.

Una vicenda a lieto fine, visto che — ha spiegato il Papa — durante il percorso il migrante ha raccontato «la sua storia di dolore, di guerra, di fame». E così, ha proseguito Francesco, quando all’arrivo la donna stava per pagare il tassista, quest’ultimo, «che all’inizio non voleva che questo migrante salisse perché puzzava», ha rifiutato l’incasso della corsa dicendo alla donna: «No, signora, sono io che devo pagare lei perché mi ha fatto sentire una storia che mi ha cambiato il cuore». E l’insegnamento che il Papa ne ha tratto è che «quando noi facciamo una cosa del genere, all’inizio ci rifiutiamo perché ci dà un po’ di incomodità, “ma... puzza …”», però «alla fine, la storia ci profuma l’anima e ci fa cambiare».

Del resto, ha fatto notare il Papa, «nei nostri tempi» l’opera di misericordia che «riguarda i forestieri è quanto mai attuale. La crisi economica, i conflitti armati e i cambiamenti climatici spingono tante persone a emigrare». Eppure, ha rimarcato, «le migrazioni non sono un fenomeno nuovo, ma appartengono alla storia dell’umanità». Perciò «è mancanza di memoria storica — è stata la sua denuncia — pensare che esse siano proprie solo dei nostri anni». Il Papa ha fatto notare come «nel corso dei secoli abbiamo assistito a grandi espressioni di solidarietà, anche se non sono mancate tensioni sociali». E anche «oggi, il contesto di crisi economica favorisce purtroppo l’emergere di atteggiamenti di chiusura e di non accoglienza», al punto che «in alcune parti del mondo sorgono muri e barriere» mentre «l’opera silenziosa di molti uomini e donne che si prodigano per aiutare e assistere i profughi e i migranti» finisce per essere «oscurata dal rumore di altri che danno voce a un istintivo egoismo. Ma — ha avvertito Francesco — la chiusura non è una soluzione, anzi, finisce per favorire i traffici criminali. L’unica via di soluzione è quella della solidarietà». E ha ricordato «la stupenda figura di santa Francesca Cabrini, che dedicò la sua vita ai migranti».

Riguardo alla seconda opera «vestire chi è nudo», il Papa ha osservato che significa anzitutto «restituire dignità a chi l’ha perduta» sia «dando dei vestiti a chi ne è privo», sia pensando «alle donne vittime della tratta gettate sulle strade, o agli altri, troppi modi di usare il corpo umano come merce, persino dei minori». Così come sono «forme di nudità pure non avere un lavoro, una casa, un salario giusto o essere discriminati per la razza, per la fede».

La catechesi del Papa 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE