Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Una storia
già raccontata

· Lettere dal direttore ·

Matamoros Banks
Bruce Springsteen 2005

Per due giorni il fiume ti tiene giù
poi sali alla luce senza un suono
passi i luoghi di villeggiatura e vuoti
scali di smistamento
le tartarughe mangiano la pelle dai tuoi occhi
così giacciono aperti alle stelle

Dai via i tuoi vestiti
alla corrente e alle rocce del fiume
finché ogni traccia
di chi tu fossi mai stato è persa
e le cose terrene fanno la loro richiesta
che le cose del cielo possano fare lo stesso
addio, mia cara, per il tuo amore ringrazio Dio
incontrami sulle rive di Matamoros

Su fiumi di pietra e antichi letti di oceano
cammino su sandali di corda e pneumatici
le mie tasche piene di polvere
la mia bocca sazia di fresca pietra
la luna pallida apre la terra fino alle sue ossa
desidero fortemente, mia cara
i tuoi baci, il tuo dolce amore
per il tuo dolce amore ringrazio Dio
desidero il tocco dei tuoi amorosi polpastrelli
incontrami sulle rive di Matamoros

Il tuo dolce ricordo arriva sul vento della sera
dormo e sogno di stringerti
nelle mie braccia di nuovo
le luci di Brownsville, oltre il brillare del fiume
un grido risuona e nel melmoso fiume rosso mi immergo
Desidero fortemente, mia cara
i tuoi baci, il tuo dolce amore
e per questo ringrazio Dio
un tocco delle estremità delle tue amorose dita
incontrami sulle rive di Matamoros

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE