Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una sinfonia di pace

· Il Papa al termine del concerto della West-Eastern Divan Orchestra diretta da Daniel Barenboim ·

«Per giungere alla pace bisogna impegnarsi, lasciando da parte la violenza e le armi» e intraprendendo la strada della «paziente ricerca delle intese possibili». È questo il messaggio lanciato da Benedetto XVI  in occasione del concerto offertogli nel tardo pomeriggio di mercoledì 11 luglio, a Castel Gandolfo, dalla West-Eastern Divan Orchestra diretta da Daniel Barenboim, alla presenza del presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano.

Proprio sottolineando la singolare composizione dell'ensemble - nel quale suonano musicisti israeliani, palestinesi e di altri Paesi arabi - il Papa ha ricordato che «la musica è armonia delle differenze» e che ogni sinfonia si realizza attraverso «un impegno paziente, faticoso, che richiede tempo e sacrifici, nello sforzo di ascoltarsi a vicenda, evitando eccessivi protagonismi e privilegiando la migliore riuscita dell'insieme». Una realtà che richiama alla mente «la grande sinfonia della pace tra i popoli, che - ha constatato il Pontefice - non è mai del tutto compiuta» e richiede
sempre la pazienza del dialogo e della comprensione.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE