Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una scintilla
nel buio nazista

· Beatificato in Germania il sacerdote Engelmar Unzeitig martire nel lager di Dachau ·

«Ancora oggi, come ai tempi di padre Engelmar Unzeitig, la Chiesa di Cristo viene discriminata, perseguitata, umiliata e annientata. E questo anche nella nostra Europa, spesso dimentica del suo patrimonio di civiltà cristiana».

Il campo di concentramento

Lo ha detto il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, nel messaggio per la beatificazione del religioso tedesco appartenente ai missionari di Marianhill, morto nel 1945 nel lager di Dachau a soli 34 anni. Il porporato ha presieduto il rito in rappresentanza di Papa Francesco sabato 24 settembre a Würzburg, in Baviera.

«Padre Unzeitig è una scintilla di autentica umanità nella buia notte della dominazione nazista» ha affermato il cardinale Amato. «Egli mostra che nessuno può estirpare del tutto la bontà dal cuore dell’uomo» e «il suo martirio ci consegna un triplice messaggio di fede, di carità e di fortezza». Proprio la fede, ha spiegato il porporato, «era per lui il bene supremo e il tesoro più prezioso: fede semplice e robusta, mai scalfita o fiaccata dal dubbio, dall’ingiustizia, dalla persecuzione». E così ha vissuto «il suo status di prigioniero umiliato e oppresso sempre unito a Dio, nella preghiera, nella gioia e nella disponibilità costante ad amare, aiutare, consolare il prossimo». Tanto che «santa messa, adorazione eucaristica, recita del rosario scandivano i tempi liberi della sua faticosa giornata». Ed «era fermamente persuaso che alla fine il regno di Dio, regno di verità, di amore e di pace, avrebbe sconfitto il regno dell’uomo, fatto di odio, sopraffazione e morte».

Il beato Engelmar, ha fatto notare il cardinale, «amando Dio con un amore totalizzante, era misericordioso e caritatevole con coloro che soffrivano per gli stenti e le umiliazioni della prigionia». E «per dare consolazione ai prigionieri russi tradusse gran parte del Nuovo Testamento nella loro lingua». Ma «il suo supremo gesto d’amore fu la volontaria offerta ad assistere e curare i malati di tifo a Dachau». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE