Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una scelta per il futuro

Il viaggio di Benedetto XVI in Camerun e in Angola — a Yaoundé e a Luanda — è stato una visita a tutta l'Africa. Non solo da un punto di vista ideale e simbolico, come pure il Papa stesso ha più volte voluto sottolineare, ma anche per l'ampiezza e la portata dei discorsi che ha pronunciato, rivolti esplicitamente a tutti i popoli del continente, con una particolare ed eloquente attenzione per le donne e per i giovani. Collocandosi nella prospettiva della celebrazione di un avvenimento importante non solo per la Chiesa cattolica, e cioè lo svolgimento nel prossimo ottobre della seconda assemblea speciale del Sinodo dei vescovi per l'Africa.

Aperta da una polemica mediatica contro Benedetto XVI, pretestuosa, infondata e tutta europea sui metodi di contrasto dell'aids, la visita papale — purtroppo funestata verso la sua conclusione dalla morte di due ragazze angolane alcune ore prima dell'incontro con i giovani — è stata una nuova occasione per la Santa Sede di ricordare con forte determinazione a tutto il mondo  l'importanza  crescente  del continente africano. E gli abitanti di Yaoundé e Luanda, riversatisi a decine di migliaia nelle strade per accogliere e vedere Benedetto XVI, hanno capito e gridato ripetutamente che tra loro era venuto un amico. Tutta l'Africa australe era poi rappresentata alla messa celebrata nell'immensa spianata di Cimangola, davanti a oltre un milione di persone.

Afflitta da molti mali e da gravi ingiustizie, sfruttata da nuovi colonialismi e quasi ignorata dall'informazione internazionale, l'Africa ha potenzialità immense e ricchezze che fanno gola a molti. Più volte il Papa ha ricordato questa analisi e di continuo ha fatto appello ai popoli del continente, perché assumano le proprie responsabilità e possano superare le difficoltà che impediscono il loro pieno sviluppo: fame, violenza, malattie, corruzione. Puntando soprattutto sulla solidarietà e la democrazia, e nel rifiuto di politiche imposte dall'esterno, come quelle neocolonialiste che depredano le ricchezze locali e spesso propagandano la cosiddetta salute riproduttiva, mirando di fatto ad appoggiare l'aborto come metodo di controllo delle nascite.

Il messaggio politico in senso alto di Benedetto XVI è dunque una scelta aperta della Chiesa di Roma a fianco dell'Africa, nel contesto dell'intera famiglia umana. Allo stesso modo, la riflessione del Papa a partire dalle letture bibliche durante le diverse celebrazioni ha saputo parlare al cuore di società naturalmente religiose e nelle quali il cattolicesimo — in alcune regioni radicato da molto tempo — è maturo, con accenti e contenuti che vanno ben oltre i confini africani.

Significative sono così state soprattutto le parole rivolte ai giovani: sull'importanza di Dio, la presenza di Cristo, la giovinezza della Chiesa, l'apertura al futuro. In Africa e nel resto del mondo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE