Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per una risposta comune
all’ebola in Africa

· Riunione dei ministri degli Esteri dell’Ue ·

 I ministri degli Esteri dell’Ue si riuniscono oggi a Lussemburgo con l’obiettivo di formalizzare una risposta comune all’ebola e definire gli aiuti ai Paesi dell’Africa occidentale colpiti dall’epidemia di febbre emorragica. 

Operatori sanitariin un ospedale di Monrovia (Afp)

La riunione avviene poche ore dopo l’annuncio, a Madrid, della guarigione dell’infermiera spagnola Teresa Romero, il primo caso di ebola fuori dell’Africa, ma in un clima di allarme generale per un’epidemia che in Liberia, Guinea e Sierra Leone ha già ucciso oltre 4.500 persone.

Secondo fonti comunitarie, i ministri Ue valuteranno la possibilità di organizzare una conferenza di donatori e la nomina di un inviato speciale. Dovrebbero anche garantire il rimpatrio d’urgenza in caso di contagio del personale sanitario e umanitario dai tre Paesi africani maggiormente colpiti. Nel fine settimana è previsto un vertice dei capi di Stato e di Governo a Bruxelles per fare un bilancio sulle misure finora adottate per prevenire l’ingresso e la diffusione del virus in Europa. Intanto, i vari Stati membri hanno cominciato ad adottare misure precauzionali in ordine sparso: la Francia ha previsto un controllo sanitario per il volo da Conakry, capitale della Guinea. Anche il Belgio metterà in atto da oggi uno screening dei passeggeri in provenienza dai Paesi colpiti. Francia e Belgio sono i soli due Paesi in Europa che hanno voli diretti con le zone epicentro dell’epidemia da Ebola: Air France assicura un volo quotidiano con la capitale della Guinea, mentre la compagnia Brussels Airlines serve anche Monrovia (Liberia) e Freetown (Sierra Leone).

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE