Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per una risposta all’orrore

· L’Is decapita un ostaggio francese mentre all’Onu si discute la strategia conto il terrorismo ·

Approvata una risoluzione di contrasto al reclutamento internazionale di jihadisti

Proprio mentre all’Onu, ieri, si discutevano le strategie da adottare nella lotta contro il terrorismo, si è aggiunto un altro anello alla catena degli orrori perpetrati dai miliziani del cosiddetto Stato islamico (Is): la decapitazione di un alpinista francese, Harvé Gourdel, rapito domenica scorsa sulle montagne dell'Algeria. «È la vendetta per l’aggressione francese al califfato» afferma l’ala algerina dello Stato islamico nel video di cinque minuti pubblicato su internet.

Manifestazione contro i gruppi terroristici (Epa)

È un assassinio «vile e crudele» ha dichiarato, da New York, Hollande affermando che i raid di Parigi contro le postazioni dell’Is in Iraq andranno comunque avanti. Sempre ieri è stata perpetrata un’altra efferata violenza: è stato infatti decapitato un ostaggio tuareg, rapito nei giorni scorsi nel nord del Mali dai miliziani dell’Aqim, il ramo nordafricano di Al Qaeda. In questo inquietante scenario s’inserisce poi il messaggio di Abu Sayyaf, il gruppo radicale islamico nelle Filippine, che a sua volta minaccia di uccidere due ostaggi tedeschi, che sono attualmente nelle sue mani, se Berlino continuerà a sostenere gli Stati Uniti contro l’Is. Ieri, intanto, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, riunito in sessione straordinaria, ha approvato all’unanimità la risoluzione 2178, che prevede un’azione globale contro «i terroristi stranieri» in Iraq e in Siria e contro la minaccia che essi rappresentano per i Paesi di origine.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

06 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE