Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una riflessione chiara

Una riflessione sull’Europa di oggi è venuta da Benedetto XVI durante l’incontro con i giornalisti che l’accompagnano in Croazia e all’arrivo a Zagabria, dove è stato accolto con rispetto e cordialità dal presidente Ivo Josipović. Riflessione espressa con parole chiare sull’importanza dell’integrazione in Europa di una piccola Nazione che ha radicate tradizioni cristiane e un rapporto con la sede romana antico di almeno tredici secoli di storia.

In un continente sconvolto nel Novecento da guerre e violenze inenarrabili, ma che negli ultimi decenni si è dotato di strutture unitarie dapprima economiche e poi politiche, è urgente che il processo verso l’unità venga sostenuto e arricchito sul piano culturale e spirituale. Nell’accoglienza di nuove Nazioni — come quella croata, vent’anni dopo l’indipendenza — che l’Europa deve sapere integrare accettando una diversità benefica.

E il contributo che la Croazia può portare al continente è appunto radicato nell’umanesimo cristiano e nella forza di una storicità capace di contrapporsi al razionalismo astratto. È questo nella visione del Papa l’antidoto allo scetticismo di fronte al volto più burocratico dell’Unione europea. Per questo motivo molti cittadini restano lontani o prendono le distanze da una costruzione unitaria reale, importante anche per l’esemplarità verso il resto del mondo.

Di fronte alle sfide della contemporaneità — su tutte il disorientamento di una vita senza obblighi, spirito del tempo ( Zeitgeist ) attuale — la tradizione cattolica, «che può trasformare il mondo», conta in Croazia su una storia che ha saputo superare ostacoli e conflitti, recenti e antichi. Come è emerso anche dalle parole di benvenuto del presidente e soprattutto da quelle di Benedetto XVI, nell’amicizia e nella vicinanza per questa Nazione, che si sente profondamente mitteleuropea più che balcanica.

E nella memoria di cristiani come il cardinale Franjo Šeper, predecessore di Joseph Ratzinger nella Congregazione per la dottrina della fede, e soprattutto come il beato Alojzije Stepinac, eroico testimone della fede cristiana contro le dittature tra loro opposte degli ustascia e dei comunisti, difensore e protettore — al di là di radicati stereotipi frutto della propaganda totalitaria — di zingari, ebrei e ortodossi perseguitati. Un esempio per l’Europa di oggi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE