Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una questione di civiltà

· Caritas, Migrantes e Acli dopo l’ennesima tragedia dell’immigrazione a sud di Lampedusa ·

Roma, 14. Una sconfitta di tutti e di ciascuno, perché «bisognerebbe mettere sempre in primo piano la vita di ognuno e il pieno rispetto dei diritti umani». E poi la fatica di una politica comune, perché «a dettare le politiche dell’immigrazione in ambito europeo sono ancora rigorose logiche di difesa della sovranità».

 Questi, in estrema sintesi, i “fatti” che emergono dall’ennesima tragedia dell’immigrazione avvenuta lunedì al largo delle coste libiche (cento miglia a sud dell’isola di Lampedusa). Don Francesco Antonio Soddu e monsignor Giuseppe Merisi, rispettivamente direttore e presidente di Caritas Italiana, sottolineano che anche le ultime emergenze «mostrano come la tensione tra la necessità di proteggere coloro che il diritto internazionale ci impone di accogliere e tutelare e la difficoltà di implementare sistemi di accoglienza e tutela sostenibili ed omogenei» crei «una zona grigia nella quale si trovano a vagare, sempre più numerosi, i profughi che giungono sulle nostre coste, spesso purtroppo trovando la morte».

Per monsignor Giancarlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes, nell’emergenza immigrazione «l’Europa deve avere più attenzione ai propri confini, che sono anche il Mediterraneo e la Sicilia», e soprattutto deve diventare «una casa accogliente per questi migranti vittime della tratta degli esseri umani». Negli ultimi arrivi «c’è un numero crescente di famiglie con bambini e anche di minori non accompagnati. Per accoglierli servono risorse aggiuntive non solo da parte dell’Italia ma anche dall’Europa».

Gianni Bottalico, presidente delle Associazioni cristiane lavoratori italiane, afferma che «l’Europa non può rimanere indifferente alle tragedie dei migranti nel Mediterraneo» e che «non sono più rinviabili impegni precisi e politiche strutturali e di emergenza al fine di non divenire responsabili del ripetersi di queste tragedie». Si tratta di «una questione di civiltà e di umanità». L’Italia, conclude Bottalico, «non può essere lasciata sola: c’è bisogno del coinvolgimento dell’Europa per intensificare le operazioni di pattugliamento delle coste e garantire a terra l’apertura di canali umanitari per mettere in sicurezza le vite umane».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE