Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per una piena
conversione ecologica

· A Quito incontro di reti e organismi cattolici sulla «Laudato si’» ·

«Laudato si’, è una chiamata urgente per credenti e non credenti. Una chiamata a tutte le persone che abitano questo pianeta. Un appello urgente per una conversione ecologica, che coinvolge tutti gli aspetti della vita degli esseri umani, per vivere in armonia con gli altri esseri del pianeta»: è quanto ha affermato monsignor Pedro Ricardo Barreto Jimeno, arcivescovo di Huancayo e vicepresidente della Red Eclesial Panamazónica (Repam), durante la conferenza di apertura dell’Incontro latinoamericano e dei Caraibi di «Ecologia Integrale: Discepoli — Missionari custodi della creazione» che si è tenuto a Quito, in Ecuador. Durante i lavori è stata anche annunciata un’imminente esortazione pastorale messa a punto dai vescovi del continente americano sul tema ambientale.

All’evento hanno preso parte oltre centoventi delegati provenienti da tutta l’America latina, ed è stato organizzato da diversi enti caritativi cattolici, tra i quali Dejusol (Celam), Cáritas Ecuador, Clar, Repam e Iglesia y Minería. Durante i quattro giorni di incontro, i partecipanti, seguendo l’enciclica di Papa Francesco Laudato si’, hanno fatto il punto della situazione nel continente dalla prospettiva dell’ecologia integrale. Al riguardo, Mauricio López, segretario esecutivo del Repam, ha spiegato all’agenzia Fides che «fino a ora l’enciclica è stata utilizzata principalmente da ambienti laici, ma a livello ecclesiale sentiamo che c’è un enorme bisogno di fare tesoro di ciò che il testo del Papa ci suggerisce, di studiarlo e soprattutto metterlo in pratica. La Laudato si’ — ha aggiunto López — rompe con tutta questa visione frammentata di risposte riguardo alla realtà socio-ambientale».

Nel corso dell’incontro i partecipanti hanno cercato di portare l’encliclica sull’ambiente su considerazioni concrete, partendo da una prospettiva pastorale. «Ecologia Integrale: Discepoli — Missionari custodi della creazione» si è sviluppato in diverse sessioni, durante le quali si sono svolti diversi livelli di dibattito. I partecipanti hanno discusso di esperienze metodologiche concrete, hanno preso parte a seminari di approfondimento e hanno condiviso testimonianze di vita per cercare di trovare percorsi specifici di pastorale concreta dell’ecologia integrale, «perché — ha ricordato il segretario esecutivo del Repam — è essenziale

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2017

NOTIZIE CORRELATE