Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una piaga mondiale

· Il 35 per cento delle donne subisce violenza almeno una volta nel corso della vita ·

La violenza sulle donne «è una pandemia mondiale» che ha pesanti conseguenze per le famiglie e la società. Lo ha dichiarato il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne istituita dall’Onu nel 1999 e che si celebra il 25 novembre. La data scelta è altamente simbolica in quanto nello stesso giorno del 1960 furono uccise tre delle quattro sorelle Mirabal, attiviste politiche della Repubblica Dominicana. «La violenza sulle donne è un affronto morale per tutti, una vergogna per qualunque società e il maggiore ostacolo allo sviluppo inclusivo e durevole», ha aggiunto Guterres. Si tratta, ha aggiunto, di una questione «di diritti umani fondamentali». Questi soprusi, ha sottolienato, si manifestano in forme diverse e vanno dal femminicidio alla violenza domestica, dal traffico di persone all’abuso sessuale, fino ai conflitti sui figli in caso di separazione tra coniugi. Secondo il segretario generale la violenza sulle donne «è anche una questione politica», in quanto legata a temi più ampi di potere e controllo delle società «in un mondo dominato dagli uomini». Finché esisteranno norme discriminanti in materia di eredità, custodia dei figli e divorzio, o finché le società non favoriranno l’accesso delle donne alle risorse finanziarie e al credito, ha sottolineato Guterres, queste resteranno esposte a rischi di violenza. Il segretario generale ha infine rilevato che le molestie sessuali riguardano quasi tutte le donne in un determianto momento della loro vita e che questi episodi si verificano nelle istituzioni pubbliche e private, comprese le Nazioni Unite. Per questo Guterres ha ribadito la sua intenzione di applicare una politica di “tolleranza zero” per molestie e aggressioni sessuali commesse da funzionari e partner dell’Onu. Secondo i dati forniti dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), emersi dall’analisi di 141 ricerche effettuate in 81 paesi, il 35 per cento delle donne subisce nel corso della vita qualche forma di violenza.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE