Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una partita ancora aperta

· In Sud America segnali positivi nella lotta alla povertà anche se restano situazioni critiche ·

Progressi nella lotta alla povertà in Sud America. Anche se le disuguaglianze restano enormi e la miseria dilaga in molte regioni, colpendo soprattutto le comunità indigene, qualcosa sta cambiando. 

Secondo l’ultimo rapporto della Banca mondiale, Bolivia, Ecuador, Colombia e Perú sono i Paesi dell’area che hanno ridotto di più l’indice di povertà fra il 2007 e il 2012, con un tasso in media del 22 per cento. Un buon risultato, se si pensa che in altri Paesi, come il Brasile, il Cile, il Paraguay e l’Uruguay, il tasso di povertà si aggira intorno al 37 per cento.

Secondo il rapporto della Banca mondiale, la riduzione della povertà sarebbe dovuta per il 68 per cento alla crescita economica e per il restante 32 per cento al ridimensionamento delle ineguaglianze.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE