Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una nuova
tragedia dell’immigrazione

Nuova tragedia dell’immigrazione nel Mediterraneo che riporta in primo piano il tema della sicurezza e dei sistemi di gestione del fenomeno migratorio in Europa. 

I corpi di dieci migranti, vittime del ribaltamento di un gommone carico di profughi, sono stati recuperati questa mattina nel Canale di Sicilia dalla nave Dattilo.

In totale — stando agli ultimi dati raccolti — sono circa un migliaio i migranti soccorsi nelle ultime ore in diverse operazioni nel Canale e che stanno per approdare in alcuni porti siciliani. Oltre alla Dattilo, sono impegnate nelle attività una petroliera che sta portando 183 persone a Pozzallo. Altri 319 migranti sono diretti a Porto Empedocle. Complessivamente sono stati soccorsi cinque gommoni e due barconi carichi di migranti di provenienza siriana, palestinese, tunisina, libica e subsahariana. Tra le persone tratte in salvo oltre trenta bambini e più di cinquanta donne, di cui una incinta. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE