Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una nuova chiesa
grazie ai musulmani

· L’edificio finanziato con le offerte raccolte nel Punjab ·

Contadini musulmani che contribuiscono ad una raccolta fondi per la costruzione di una chiesa cattolica in Pakistan. È il confortante gesto di generosità di cui si sono resi protagonisti gli abitanti del villaggio di Khalsabad, nella regione del Punjab, situato vicino a Gojra Tehsil. Lì le famiglie cristiane sono soltanto otto, e la cappella di fango che usavano come luogo di culto è stata distrutta dalle piogge monsoniche dell’ultimo anno. Costretta a pregare in casa, la piccola comunità cattolica ha, quindi, deciso di costruire una nuova chiesa e ha chiesto aiuto alla cittadinanza.

Per ora sono stati eretti solamente i muri esterni della struttura. «Questo è dialogo della vita», ha affermato padre Aftab James Paul, commentando le donazioni giunte alla piccola comunità. Il sacerdote è assistente parroco della chiesa di san Fedele a Khushpur, ma nel villaggio di Khalsabad si reca spesso per le visite pastorali. «Un fedele musulmano — ha raccontato soddisfatto il sacerdote — ha donato circa duemila rupie la domenica di Pasqua, mentre un uomo d’affari islamico locale ha deciso di devolvere trentamila rupie alla commissione del villaggio che si occupa dei lavori della costruzione della chiesa».

Padre Paul, che per nove anni ha guidato la commissione per il dialogo interreligioso della diocesi pachistana di Faisalabad, ha affermato che non è la prima volta in cui i musulmani aiutano la costruzione di un luogo di culto cattolico. Nel 2005 fu finanziata una chiesa nel sotto-distretto di Gojra Tehsil. L’area, però, divenne famosa solo nel 2009 per un episodio tragico: a seguito delle accuse di blasfemia, dieci cristiani furono uccisi, sette dei quali furono arsi vivi, mentre quattro chiese furono completamente distrutte nel corso di un violento attacco. «Abbiamo troppi pregiudizi — ha osservato il sacerdote — e lasciamo che le azioni di pochi facciano ricadere la colpa su tutti i fedeli dell’islam».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE