Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per una mobilitazione mondiale

· Il Papa invita il Consiglio dei Capi esecutivi del coordinamento delle Nazioni Unite a favorire la nascita di una società equa ·

Una «mobilitazione etica mondiale» che «diffonda e applichi un ideale comune di fraternità e di solidarietà, specialmente verso i più poveri e gli esclusi»: l’ha chiesta Papa Francesco ai membri del Consiglio dei capi esecutivi per il coordinamento delle Nazioni Unite, ricevuti in udienza venerdì mattina, 9 maggio, nella Sala del Concistoro.

Sottolineata la bontà dell’opera sino a oggi svolta dagli organismi internazionali rappresentati, «specialmente nel campo dell’educazione e della diminuzione della povertà estrema», il Pontefice ha esortato a proseguire senza sosta negli impegni assunti, perché — ha detto — «i popoli meritano e sperano frutti ancor migliori». A questo proposito ha ricordato che «è proprio della funzione direttiva non conformarsi mai ai risultati acquisiti, ma impegnarsi ogni volta di più, poiché ciò che è stato conseguito si assicura soltanto cercando di ottenere ciò che ancora manca».

Un principio questo che, per ciò che riguarda l’organizzazione politica ed economica mondiale, è sollecitato dalla constatazione che «ciò che manca è molto, visto che una parte importante dell’umanità continua ad essere esclusa dai benefici del progresso e, di fatto, relegata a esseri umani di seconda categoria». Pertanto i futuri obiettivi di uno sviluppo sostenibile dovrebbero essere formulati con generosità e coraggio «affinché arrivino effettivamente a incidere sulle cause strutturali della povertà e della fame», conseguendo anche ulteriori risultati orientati «a favore della preservazione dell’ambiente, a garantire un lavoro decente per tutti e a dare una protezione adeguata alla famiglia». Si tratta, in particolare, «di sfidare tutte le forme di ingiustizia, opponendosi alla “economia dell’esclusione”, alla “cultura dello scarto” e alla “cultura della morte”, che, purtroppo, potrebbero arrivare a diventare una mentalità accettata passivamente».

Il testo integrale del discorso del Papa

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE