Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una lunga storia
di tolleranza e collaborazione

· Dichiarazione sulla libertà religiosa della Makassed sunnita in Libano ·

«Non si può costringere alla conversione né perseguire chi ha una fede diversa dalla propria. L’islam vieta di condurre una guerra contro chi è diverso, scacciarlo dalle proprie terre e limitarne la libertà in nome della religione. Beirut si fa portavoce dell’islam liberale che vuole la convivenza con i cristiani, di cui è ricca la tradizione del Libano». 

Sono alcune delle importanti affermazioni contenute nella “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”, pubblicato dalla Makassed di Beirut, autorevole associazione sunnita considerata faro di tolleranza nell’educazione civica e religiosa. Il messaggio — diffuso integralmente da AsiaNews — è stato preparato lo scorso giugno e pubblicato pochi giorni fa. La dichiarazione è volta a mettere nero su bianco la posizione dei musulmani del Libano nei confronti della violenza compiuta in nome della loro religione. In essa viene chiarito quali siano gli insegnamenti fondamentali dell’islam e quando, invece, esso viene “preso in ostaggio” per giustificare logiche di potere. 

«Il Libano, gli altri Paesi arabi e i musulmani — si legge nella dichiarazione — sono oggi in tumulto a causa della religione, del settarismo e del confessionalismo. Le persone sono uccise, private della propria casa e della dignità. In questa situazione anormale, la religione è sfruttata per motivi politici, sacrificando invano persone, Paesi e civiltà. Questo sta provocando il sorgere dell’islamofobia in varie parti del mondo. La convivenza e i valori ereditati dalla nostra civiltà, come pure il futuro dei nostri giovani, sono seriamente minacciati».
Nel testo viene sottolineato che l’associazione Makassed di Beirut si ritiene responsabile nel «costruire una società dove le persone possano vivere insieme in libertà, in una società civile» aperta al progresso, «che può affrontare i pericoli che minacciano la nazione, i suoi cittadini, i valori morali e religiosi. La Makassed è chiamata a opporsi all’estremismo e alla violenza, e per questo annuncia la “Dichiarazione di Beirut sulle libertà religiose”, confermando i valori tradizionali che sono gli illuminati valori di Beirut e del Libano, per salvaguardare la dignità di ogni cittadino ed essere umano». Con le sue iniziative la Makassed spera di salvare e proteggere la religione da coloro che tentano di prenderla in ostaggio con falsi slogan.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE