Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una grande intellettuale

· La canonizzazione equipollente di Ildegarda di Bingen ·

Ildegarda di Bingen è stata finalmente proclamata santa dalla Chiesa dopo secoli in cui,  a partire dal momento della sua morte, è stata venerata come tale, in particolare all’interno dell’ordine benedettino al quale apparteneva. La sua figura maestosa e complessa si staglia nel panorama di un secolo tormentato quale fu il XII, dove la sua presenza sapiente e profetica svolge un ruolo di grande importanza, certo inedito per una donna.
Monaca, badessa e fondatrice di ben due nuovi monasteri poi da lei retti con mano ferma, fin da piccola sperimenta visioni mistiche, ha il coraggio di rendere pubbliche le sue visioni profetiche — scriverà all’imperatore Federico Barbarossa: «Ti comporti come un bambino» — e di scrivere, accanto ai libri di mistica e teologia, anche testi di medicina e di analisi dei fenomeni naturali, del cosmo e dell’essere umano, proponendo soluzioni nuove e inedite intuizioni.
Forte della certezza di essere portatrice del messaggio divino si dedica anche alla predicazione, girando per varie regioni della Germania, e parlando perfino nelle chiese. Incita i Papi alla riforma, criticandoli anche con durezza, spiegando che lo Spirito Santo parlava attraverso di lei — una donna — perché la Chiesa, condotta da maschi, aveva tradito per molti aspetti la sua natura e la sua missione.
Nella sua visione profetica, realtà umana e realtà divina sono una medesima realtà, garantita dall’amore, che la donna sa impersonare. Ella vede e descrive Dio come una «luce vivente», una luce che fa anche parte dell’essere umano: lei stessa si definisce «ombra della luce vivente».
Non deve stupire quindi che la storiografia e la teologia femministe si siano dedicate con molto impegno alla riscoperta di questo personaggio, e che i cd delle sue musiche — Ildegarda era anche una buona compositrice di musica sacra — si trovino nelle librerie femministe di mezzo mondo e non solo in quelle religiose.
La mistica renana è la prova che all’interno della cultura cristiana era possibile per una donna — evidentemente eccezionale — produrre alta cultura e farsi ascoltare dai potenti. Benedetto XVI nelle riflessioni dedicate alle figure femminili del medioevo ha voluto riservarle ben due discorsi, e ha preso spunto proprio da Ildegarda per dichiarare come «la teologia possa ricevere un contributo peculiare dalle donne, perché esse sono capaci di parlare di Dio e dei misteri della fede con la loro peculiare intelligenza e sensibilità».
La canonizzazione per equipollenza proclamata oggi arriva quindi a confermare la rilevanza che egli attribuisce a questa donna, la quale ha unito alle qualità di mistica le caratteristiche di vera e propria intellettuale del suo tempo. Talmente eccezionale che per ritrovare una figura così ricca dal punto di vista intellettuale — lasciando ovviamente da parte le due grandi Terese, maestre del discorso mistico — dobbiamo arrivare ad un’altra santa tedesca, Edith Stein.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE