Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Una giornata particolare

In migliaia hanno dormito in tenda, nei sacchi a pelo, nonostante la pioggia dei giorni precedenti e il freddo delle notti. Sono giunti da ogni angolo del Portogallo, ma anche dall’estero, alcuni da molto lontano, persino da Corea, Cina, Vietnam, Argentina e Australia, come testimoniano bandiere e stendardi. Sono arrivati in aereo, in pullman, in automobile, affollando alberghi, pensioni e case di accoglienza. In tanti — oltre quarantamila — non hanno rinunciato a percorrere a piedi, zaino in spalla, i lunghi cammini dei pellegrini del passato. Tra loro duemila giovani giunti da Lisbona e altri cinquecento da Porto, le maggiori città del paese. L’importante è esserci. Perché quello di oggi, 13 maggio, è un giorno speciale qui a Fátima: ricorrono i cento anni dalla prima apparizione della Vergine del Rosario alla Cova da Iria. E perché oggi Papa Francesco canonizza i pastorinhos Francesco e Giacinta Marto, i due fratellini che con la cugina Lucia dos Santos furono prescelti per quella rivelazione destinata a lasciare un segno indelebile nella storia della Chiesa e non solo.

E così quando dal palco allestito sul sagrato della basilica santuario, sotto un cielo azzurro, appena velato da qualche nuvola, accogliendo la richiesta di monsignor António Marto, Vescovo di Leiria-Fátima, il Pontefice legge la formula con la quale iscrive i nomi dei due bambini nell’elenco dei santi, il lungo applauso che riempie la grande spianata e le strade adiacenti si leva da una folla immensa, almeno mezzo milione di persone. È il grazie sincero e commosso del popolo che con gioia accoglie l’ufficializzazione di una santità già riconosciuta dalla fede semplice della moltitudine di persone che da un secolo ininterrottamente vengono da ogni dove per venerare la Madonna e rendere omaggio ai suoi testimoni e messaggeri. Un atto arrivato 17 anni dopo la beatificazione celebrata sempre qui e nello stesso giorno da Giovanni Paolo II durante il giubileo del 2000.

dal nostro inviato Gaetano Vallini

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE