Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Una generazione
a rischio nel Kasai

· ​Malnutriti centinaia di migliaia di bimbi sotto i 5 anni ·

Uno dei bimbi assistiti da un programma nutrizionale in Congo (Ansa)

Almeno 400.000 bambini sotto i cinque anni sono colpiti da gravissima malnutrizione nella regione del Kasai, nella Repubblica Democratica del Congo e rischiano di morire nei prossimi mesi. L’agenzia dell’Onu per l’infanzia chiede fondi e interventi immediati, sottolineando che i bambini colpiti da carenza di cibo sono molti di più: almeno 750.000 minori non ricevono l’opportuno nutrimento a causa delle violenze, degli sfollamenti di massa e della riduzione della produzione agricola negli ultimi 18 mesi. La situazione della sicurezza sembra essersi stabilizzata in alcune parti della regione e alcuni gruppi di sfollati hanno iniziato a tornare alle loro case, ma le condizioni umanitarie restano critiche, spiega l’Unicef in un comunicato pubblicato a Ginevra. La grave incertezza alimentare interessa vaste zone della regione e le condizioni non possono migliorare prima del prossimo giugno, poiché le stagioni di semina nel 2017 sono andate perdute. Le famiglie hanno poco da raccogliere dalla propria terra e nulla da vendere ai mercati, aggiunge l’Unicef.

Anche le strutture sanitarie sono state devastate, rendendo più difficili le cure. Circa 220 centri sanitari sono stati distrutti, saccheggiati o danneggiati, precisa l’Unicef denunciando il crescente rischio di diffusione di malattie contagiose come il morbillo. Da gennaio 2017, l’Unicef e i suoi partner umanitari hanno fornito assistenza nutrizionale terapeutica a 50.700 bambini sotto i cinque anni nella regione del Kasai. Ma per i prossimi mesi l’agenzia ha ricevuto solo il 15 per cento dei finanziamenti necessari per continuare a rispondere ai bisogni nutrizionali dei bambini.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE