Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per una cultura della pace

· Il presidente di Iustitia et pax a Rio de Janeiro ·

«In questo 2015 nel mondo circa 1.800 miliardi di dollari vengono investiti in spese militari. Se di questi si riuscisse a destinarne solo il 10 per cento ai bisogni umanitari, il finanziamento degli obiettivi di sviluppo sostenibile potrebbe essere raggiunto. 

Pablo Picasso «Colomba della pace»

Non mancano le risorse intellettuali né quelle materiali». È quanto affermato dal cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson, presidente del Pontificio Consiglio della giustizia e della pace, nel corso di un simposio internazionale svoltosi il 1° settembre a Rio de Janeiro. Nella città brasiliana il porporato ha tenuto un articolato intervento sul tema dei lavori — «La promozione della cultura della pace in un mondo in conflitto» — organizzati dalla locale Pontificia università cattolica.

Il presidente di Iustitia et pax ha riproposto il magistero pontificio sull’argomento a partire da Giovanni xxiii fino ai giorni nostri, soprattutto attraverso un’approfondita rilettura dell’enciclica di Papa Francesco Laudato si’. Riflettendo sulle nuove forme di conflitto che investono l’umanità, il relatore si è soffermato in particolare sulle cause, alla base delle quali ha individuato ancora una volta il dramma della povertà, soprattutto quando essa assume il volto della fame e della malnutrizione. E sebbene a partire dal 1990 il numero delle persone che soffrono di fame cronica sia calato del 17 per cento — con una diminuzione che indicherebbe una certa efficacia negli sforzi compiuti — non si può comunque tacere che «ci sono ancora quasi 850 milioni di persone che soffrono di fame acuta». Una cifra di per sé sconvolgente; ma, ha avvertito, «la cosa che deve sconvolgere ancor di più è che dietro a questi numeri ci sono persone reali, con la loro dignità e i loro diritti». Del resto, ha fatto notare, «non è per mancanza di cibo che tali persone soffrono la fame, giacché i livelli attuali di produzione alimentare sono sufficienti per sfamare tutti». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE