Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una crisi culturale

· L’ultimo libro di Roberto Volpi sulla famiglia nella società contemporanea ·

Nel suo libro La nostra società ha ancora bisogno della famiglia? (Milano, Vita e Pensiero, 2014, pagine 178, euro 15) l’esperto di statistica Roberto Volpi esamina le ragioni socio-culturali della crisi della famiglia italiana — aprendo anche ampie finestre di confronto con gli altri Paesi europei — e offre al lettore un’analisi interessante e per molti versi inedita. Volpi definisce la situazione attuale della famiglia come caratterizzata da un minor grado di responsabilità individuale, a cui si accompagna una ridotta utilità sociale nelle società post-moderne. In queste, infatti, è più coerente allo stile economico e sociale la moltiplicazione di centri individuali — piuttosto che familiari — di decisione e di scelta (e in un certo senso anche di potere), che permettono più elasticità nella vita di relazione, nei rapporti di lavoro e organizzativi della società.

Fernando Botero, «In the park» (2004)

Le società post-moderne si caratterizzano anche per una sorta di indifferenza nei confronti delle varie tipologie di famiglia, ma questo non si traduce in un atteggiamento di neutralità nei loro confronti, perché le soluzioni più facili — cioè quelle implicanti il minor grado di responsabilità e di istituzionalizzazione — tenderanno a prevalere rispetto a quelle più difficili. Lo prova la vorticosa diminuzione del matrimonio, e in particolare del matrimonio religioso, cioè quello che chiede il più alto grado di responsabilità.
Tanto che Volpi arriva a parlare addirittura di «annacquamento» della famiglia, quasi lo sciogliersi di questa forma sociale, processo che contribuisce a creare una società più fragile, meno vitale e solidale. A questa fragilità lo studioso contrappone la forza della società italiana degli anni Sessanta, anni in cui la famiglia tradizionale celebrava i suoi massimi successi e contribuiva in modo determinante allo sviluppo del Paese.
Con lo sgretolarsi delle famiglie e il crollo delle nascite assistiamo sul piano sociale a uno scivolamento nell’irresponsabilità personale assai pericoloso che si accompagna a un appannamento dell’immagine del futuro: la famiglia oggi — se c’è — viene considerata un punto di arrivo, e non già un punto di partenza.

I coniugi quindi sono portati a “giocare in difesa” per difendere le acquisizioni individuali, invece che guardare al futuro affrontando insieme la società, imprimendo così alla vita in comune ben diversa vitalità. «Le famiglie — scrive Volpi — muoiono oggi di esperienze non condivise, di impegni non presi, di rischi non corsi, di speranze appassite, di paure subite, di chiusure e immobilismi al proprio interno».

di Lucetta Scaraffia

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE