Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una coscienza più chiara del dramma in Iraq

· Dopo la denuncia dell’Onu di pulizia etnica e religiosa per mano dei miliziani ·

È servita a richiamare una volta di più l’attenzione della comunità internazionale sul dramma che si sta consumando in Iraq la denuncia fatta ieri dall’Onu, attraverso l’Alto commissario per i Diritti umani: i miliziani dello Stato islamico stanno compiendo nel Paese «una pulizia etnica e religiosa» aveva dichiarato, nel primo pomeriggio di ieri, Navi Pillay, che ha anche chiesto di giudicare i responsabili di eventuali crimini contro l’umanità. L’Alto commissario, in un comunicato, ha quindi affermato che i miliziani «colpiscono sistematicamente uomini, donne e bambini, basandosi sulla loro etnia, sulla loro religione o sull’appartenenza settaria». Secondo Pillay, «questa persecuzione equivarrebbe a crimini contro l’umanità».

L’Alto commissario ha voluto poi porre l’accento sul fatto che «tutte le parti coinvolte nel conflitto in Iraq hanno la responsabilità di non prendere di mira i civili e, quindi, di adottare tutte le precauzioni possibili per proteggere le persone dagli effetti delle ostilità». Nello stesso tempo occorre compiere ogni sforzo per «soddisfare i bisogni umanitari della popolazione civile».

E oggi, intanto, si è appreso di un nuovo orrore. Secondo quanto ha dichiarato il rappresentante dell’Unicef in Iraq, Marzio Badile, settecento civili, appartenenti alla minoranza turcomanna sciita, tra i quali numerosi bambini, sono stati uccisi dai jihadisti nel villaggio di Beshir: il massacro risale all’11 e al 12 luglio scorsi.

Sul terreno, intanto, si segnala che i peshmerga curdi, sostenuti dall’aviazione irachena, hanno riconquistato, nella giornata di ieri, tre villaggi che erano caduti nelle mani dei jihadisti: località situate nella provincia di Diyala, a nord-est di Baghdad. Tra le località riconquistate figura Jalawla, ritenuta di importanza strategica perché costituisce «il cancello d’ingresso» verso Baghdad, come ha detto ShirkoMerwais, responsabile politico curdo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE