Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una conversazione celeste

· ​La musica secondo sant’Ambrogio ·

Attraverso una lettura orientata di Ambrogio è possibile ricostruire un aspetto significativo della sua opera che lo vede attento e sensibile all’espressione musicale come forma privilegiata per cogliere le armonie della natura, per manifestare i sentimenti dell’uomo e per entrare in contatto con Dio.

Non a caso è stata notata in lui «un’anima eminentemente musicale» (Amelli, 1907). Lo scrive Lucio Coco aggiungendo che già nella sua cosmologia infatti i cieli, con le loro più o meno rapide rivoluzioni, fanno una musica che noi non siamo più in grado di percepire perché vi siamo immersi da sempre oppure perché (è la seconda ipotesi, quella più accattivante) «gli uomini, presi dalla sua soavità e dolcezza, determinate da quel moto assai celere dei cieli, da oriente fino a occidente, non abbandonassero le proprie attività e opere e trascurassero qui ogni cosa a motivo di un certo qual trasporto dell’anima umana verso i suoni celesti» (Hexameron, ii, 2, 7).

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE