Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una conferenza
per lo sviluppo africano

· Da Addis Abeba Angela Merkel annuncia il nuovo progetto ·

«L’Africa sarà la priorità», lo ha affermato il cancelliere Angela Merkel, annunciando che l’anno prossimo, nell’ambito della presidenza del g20 affidata alla Germania, verrà organizzata a Berlino una conferenza sull’Africa per promuoverne lo sviluppo, puntando su investimenti privati, su reti di trasporto ed energetiche, nonché sulla formazione professionale. 

Merkel durante l’inaugurazione del quartier generale dell’Unione africana (Afp)

L’annuncio, riferiscono i media tedeschi, è stato fatto dall’Etiopia, ultima tappa del viaggio di tre giorni nel continente che si è conclusa ieri ad Addis Abeba, dove la Merkel ha partecipato all’inaugurazione del quartier generale operativo dell’Unione africana finanziato dalla stessa Germania. Il tour, iniziato domenica scorsa, ha portato il cancelliere dal Mali all’Etiopia passando per il Niger, principali paesi di transito per i migranti diretti in Europa. Il cancelliere si è detto intenzionato a rafforzare la cooperazione con questi paesi per migliorare le condizioni economiche e di sicurezza, in modo da arginare i flussi migratori. In particolare, lo sviluppo economico, la pacificazione di queste aree per frenare i flussi e la collaborazione nella politica sulle migrazioni sono i temi principali affrontati con le autorità locali durante il viaggio, come riferito alla vigilia della partenza dal portavoce del governo tedesco Steffen Seibert. La Germania, paese europeo che ha accolto più migranti nel 2015, mira anche a impostare argini economici e militari ai flussi migratori che, attraverso l’area subsahariana e la Libia, poi approdano in Italia puntando alla Germania. In particolare, Merkel si è impegnata a garantire al Niger 17 milioni di aiuti diretti allo sviluppo, ma anche forniture militari. Berlino vuole inoltre allestire nel paese una base di supporto alla missione Onu nel confinante Mali. La strategia emersa dalle dichiarazioni del cancelliere — dicono gli analisti — prevede però un importante ruolo anche del settore privato: l’imprenditoria soprattutto delle reti di trasporto ed energetiche è infatti un elemento su cui punterà la conferenza

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 aprile 2018

NOTIZIE CORRELATE