Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una Chiesa nuova
per gli immigrati del Centroamerica

· Negli ultimi giorni aumentati dell’ottanta per cento le partenze da Cuba ·

Molti ci hanno messo un anno, altri alcuni mesi e altri ancora hanno iniziato il viaggio solo ppochi giorni fa. Provengono da Cuba, ma anche dall’Ecuador, dalla Colombia, da Panama e dal Guatemala. Per giungere alla frontiera messicana ci vogliono circa due settimane, nelle quali i migranti attraversano fiumi, paludi e viaggiano in barca costeggiando la terra ferma. «La maggior parte esce in modo regolare da Cuba, con l’autorizzazione del Governo, per poi iniziare un lungo viaggio; generalmente va in aereo in Ecuador e poi da lì passa in Colombia dove l’attende un percorso più difficile e pericoloso in barca, via mare, fino a Panama. Quanti superano questo tratto giungono a Costarica e da lì proseguono verso l’Honduras e via terra verso il Guatemala. 

Attraversano sette Paesi prima di arrivare alla frontiera con gli Stati Uniti». A raccontarlo è padre César Augusto Cañaveral Pérez, coordinatore diocesano della mobilità umana della diocesi di Tapachula, in Chiapas, che assiste ogni giorno al massiccio arrivo di migranti cubani a sud del Messico. Quanto sta accadendo non occupa le prime pagine dei giornali e non figura tra i titoli di apertura dei telegiornali, ma le partenze da Cuba non cessano, anzi stanno aumentando. Alle difficoltà del viaggio si aggiungono i pericoli presenti nei territori attraversati, dove i migranti sono esposti a ogni tipo di ingiustizia. «L’annuncio dell’avvio delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Cuba ha motivato questo flusso straordinario di cubani che tentano di raggiungere il continente. Cercano di varcare il confine, temendo che il Governo statunitense stabilisca di chiudere le frontiere e cambiare le leggi attualmente in vigore sull’immigrazione. Solo lunedì 9 novembre mezzo milione di migranti hanno assediato la frontiera di Tapachula, da dove nell’ultimo mese sono passati più di duemila migranti. La presenza di cubani alla frontiera è una sfida per la Chiesa e per le istituzioni preposte alla tutela dei migranti. La stazione migratoria “Siglo xxi” non ce la fa ad assisterli tutti», ha detto Cañaveral Pérez al nostro giornale. Ha aggiunto il religioso: «Dobbiamo anche controllare gli alberghi e le autorità che gestiscono queste strutture, perché chiedono 60 dollari a notte ai cubani; e i tassisti per il percorso dalla stazione migratoria al centro chiedono 50 dollari. Anche i pullmini che circolano di notte chiedono fino a quattro, cinque dollari. Esiste quindi già una rete attiva di sfruttamento di questi migranti. Di fatto i cubani sono visti come una sorta di bancomat e, per l’esperienza che ho acquisito lavorando con loro, so che non hanno dollari, hanno mezzi limitati, chiedono ai familiari di pagare i loro biglietti», ha aggiunto Padre Cañaveral Pérez. Al di fuori dalla stazione migratoria «le donne e gli uomini cubani possono facilmente diventare vittime dello sfruttamento, della tratta di persone e della prostituzione, per la loro condizione di vulnerabilità; sebbene cerchino di restare uniti nel bisogno, possono comunque ritrovarsi in queste realtà».

di Silvina Pérez

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE