Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una Chiesa che prega

· All’udienza generale il Pontefice parla della «piccola Pentecoste» narrata da san Luca negli Atti degli Apostoli ·

Il grazie per gli auguri in occasione del compleanno e del settimo anniversario dell’elezione

Un prodigio. È ciò che si realizza quando i credenti, messi a dura prova a causa della loro fede, si ritrovano uniti nella preghiera «come una persona sola» per invocare l’aiuto del Signore. Questo «pregare tutti insieme, concordi» è — come ha affermato il Papa durante l’udienza generale di questa mattina, mercoledì 18 aprile — «l’elemento fondamentale della prima comunità e dovrebbe essere sempre fondamentale per la Chiesa».

Benedetto XVI , tornato a proporre la catechesi sulla preghiera durante il settimanale incontro con i fedeli, ha evocato «la piccola Pentecoste» — come viene definita l’esperienza dell’irruzione dello Spirito Santo narrata da san Luca negli Atti degli Apostoli — per sottolineare l’importanza della preghiera nella vita della Chiesa durante i momenti di difficoltà. Di fronte al pericolo e alle minacce non servono analisi o strategie di difesa e reazione: occorre pregare insieme, concordi, e prendere contatto con Dio.

Così l’unità della Chiesa, anziché essere compromessa si consolida proprio «perché — ha spiegato il Pontefice — è sostenuta da una preghiera incrollabile». La Chiesa dunque «non deve temere le persecuzioni che nella sua storia è costretta a subire, ma confidare sempre, come Gesù al Getsemani, nella presenza, nell’aiuto e nella forza di Dio».

Durante l’udienza generale diversi gruppi di fedeli hanno rinnovato al Papa gli auguri per l’ottantacinquesimo compleanno, celebrato lunedì scorso, 16 aprile, e per il settimo anniversario della sua elezione a successore di Pietro, che ricorre domani, giovedì 19. Un augurio particolare è giunto da alcuni gruppi in costumi tradizionali della Baviera e di altre regioni della Germania. Benedetto XVI, concludendo l’incontro, ha ringraziato per le calorose manifestazioni d’affetto in questi giorni di festa.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE