Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una casa sicura

· ​Papa Francesco rientra da Lesbo portando con sé dodici profughi siriani che saranno ospitati in Italia ·

Papa Francesco è rientrato da Lesbo — dove si è recato nella mattina di sabato 16 aprile insieme con il patriarca ecumenico Bartolomeo e l’arcivescovo di Atene e di tutta la Grecia Hierònymos — portando con sé un gruppo di profughi. Si tratta di tre famiglie fuggite dalla guerra che sta insanguinando la Siria: in tutto dodici rifugiati, tra i quali due adolescenti e quattro bambini, approdati sull’isola greca prima del recente accordo tra Turchia e Unione europea e ospitati nel campo di Kara Tepe. 

Un gesto senza precedenti, che ha racchiuso lo spirito di una visita breve ma intensissima, compiuta nel segno della prossimità e della condivisione. «Sono venuto qui semplicemente per stare con voi e per ascoltare le vostre storie» ha spiegato il Pontefice alle centinaia di uomini, donne, bambini, anziani accolti nel campo di Moria, dove ha trascorso l’intera mattinata immerso nell’abbraccio carico di dolore e di speranza dei profughi. «Siamo venuti per richiamare l’attenzione del mondo su questa grave crisi umanitaria e per implorarne la risoluzione» ha aggiunto sottolineando le dimensioni di quella che già durante il volo verso l’isola aveva definito «la catastrofe umanitaria più grande dopo la seconda guerra mondiale». Con i giornalisti a bordo dell’aereo Francesco aveva anche ricordato l’ottantanovesimo compleanno di Benedetto XVI, al quale aveva inviato gli auguri e assicurato la preghiera.

Nel campo di Moria il Papa ha sostato a lungo in mezzo ai rifugiati: ha ascoltato storie di orrore e di violenza, ha consolato le lacrime, ha avuto per tutti una parola di conforto. «Non siete soli» ha assicurato, lodando la generosa risposta di accoglienza del popolo greco ed esprimendo l’auspicio che «il mondo si faccia attento a queste situazioni di bisogno tragico e veramente disperato, e risponda in modo degno della nostra comune umanità».

Un auspicio divenuto «appello alla responsabilità e alla solidarietà» durante l’incontro con le autorità e la comunità cattolica svoltosi nel primo pomeriggio al porto di Mytilene, dopo che Francesco aveva firmato una dichiarazione congiunta con Bartolomeo e Hierònymos, e aveva pranzato con otto ospiti del campo. «L’Europa è la patria dei diritti umani e chiunque metta piede in terra europea dovrebbe poterlo sperimentare» ha ammonito il Papa, riconoscendo che «le preoccupazioni delle istituzioni e della gente sono comprensibili e legittime» ma invitando a «non dimenticare che i migranti, prima di essere numeri, sono persone». Da qui il nuovo invito a rifuggire «dall’illusione di innalzare recinti per sentirsi più sicuri». Perché «le barriere — ha avvertitio — creano divisioni, anziché aiutare il vero progresso dei popoli». Prima di lasciare l’isola, il Papa, il patriarca e l’arcivescovo ortodosso hanno recitato una preghiera per tutte le vittime dell’immigrazione e hanno lanciato in mare tre corone di alloro.

Il discorso nel campo di Moira

La dichiarazione comune  

Il discorso nel porto di Mytilene

La preghiera per le vittime dell’immigrazione

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE